FantArt 2019 – #17 – Miku Hatsune

La cosa bella di Miku Hatsune è che ha così tanti vestiti rappresentativi ormai, che puoi disegnarla come vuoi! Questo vestito è inventato, diciamo che ho voluto “italianizzarla”.

Lei, insieme ad altri personaggi conosciuti come “Vocaloid”, sono una rappresentazione dei vari toni vocali di un programma per computer che ti da, di fatto, delle basi tecniche per impostare la voce nel canto. Non fa miracoli ovviamente, il talento ddev’esserci, ma questa programma per pc, aiuta.

Magari più in là, ne parlerò in modo più approfondito.

Per ora buona giornata ❤

Shio.

Dietro le quinte…TAG

Buongiorno, finalmente ho due minuti per fare questo tag gentilmente propostomi da La dama col cappello del blog “Racconti dal passato”, ma vediamo se ci sono regole o similari ò.ò

finestra-e-gattino

 

Bene bene, vi dico subito che l’ideatrice del tag è Carla de “La dimora del pensiero”.

Continua a leggere

Arina Tanemura

Ciao a tutti amici del blog, oggi vi parlo di un’autrice che degli “occhioni” ha fatto la sua firma, si perché i suoi disegni sono riconoscibilissimi proprio grazie alle particolari fattezze che dona ai suoi personaggi; sto parlando della sensei Arina Tanemura. il mondo di shioren

La sensei Tanemura è nata nella regione di Chūbu, più precisamente nella prefettura di Aichi, il 12 marzo 1978 in una famiglia composta da 6 persone: mamma, papà, lei e 2 sorelle ed un fratello. Il suo debutto risale al 1996 quando aveva solo 18 anni, in tale occasione pubblica il manga ” Nibane me no koi no katachi” (inedito in Italia), ma da quel momento, la sensei Tanemura diventa inarrestabile disegnando interrottamente anche più di due serie all’anno. La svolta arriva nel 1998 quando pubblica “Kamikaze kaitou Jeanne” (Jeanne la ladra del vento divino, da quel momento ogni sua opera sarà un successo e lo dimostra il fatto che molte di esse sono approdate anche qui in Italia.

Continua a leggere