Ciao sensei

Stamattina è stato un triste risveglio: è morto Kentaro Miura, autore di uno dei dark fantasy più famosi del mondo: Berserk.

La morta sarebbe avvenuta il 9 maggio, ma la notizia è arrivata solo oggi. Inutile dire che mi dispiace tantissimo anche perché amavo molto il suo tratto, la sua follia e la sua vena artistica smisurata.
Ogni sua tavola era un capolavoro; espressività, dettagli maniacali…non vi nascondo che per quanto spesso disegnava cose raccapriccianti, erano così ben fatte, che passava in secondo piano se stavi guardando un demone o un massacro, quello che vedevi era solo arte, pura, affascinante, cruda arte.

Si è spento a soli 54 anni per una “dissezione aortica” che, come spesso accade, non lascia scampo.

Ci restano i suoi disegni, le sue storie e il rammarico che non leggeremo mai la parola fine sulle pagine del manga che tanto l’ha reso famoso in tutto il mondo: Berserk.

Buon viaggio sensei.

Shio

Se volete più informazioni su di lui, vi rimando alla sua scheda che pubblicai tempo fa, potete leggerla cliccando QUI.

Adams/Sting/Stewart – “All for love”

Oggi sono un po’ nostalgica e ho deciso di proporvi una canzone che mi è entrata nel cuore da subito e che, ogni volta, mi fa cantare ed emozionare al tempo stesso.
Essa è parte della colonna sonora di un film Disney con un cast fantastico di cui, magari, vi parlerò un’altra volta. 😉
Questa è la bellissima “All for love” eseguita da 3 delle più belle voci del panorama musicale mondiale di tutti i tempi (gli anni della mia adolescenza erano pieni di grandissimi talenti che solo a pensarci, ho i brividi):
Bryan Adams, Sting e Rod Stewart.

Buon ascolto ❤

Shio.

Una lotta continua…

Non so voi, ma a me sembra di non riuscire mai ad arrivare. Mi riferisco al disegno, in questo caso. Per quanto impegno ci metta, per quanto ai miei occhi possano sembrare carini, decentemente riusciti e piacevoli seppur non perfetti; mai, e ripeto, mai, ricevo il riscontro che vorrei.

Così mi chiedevo: è lo stesso per voi?

Anche voi vi sentite sempre poco apprezzati? In questo mese del disegno, dove in molti si stanno cimentando al massimo delle loro forze e, lo dico sinceramente, tra loro ci sono davvero tante persone dotate. I loro disegni non sono perfetti, certo, anche perché spesso, chi fa il Drawlloween e/o l’Inktober non sempre ha delle basi artistiche a livello scolastico ma solo tanta, grande e genuina passione; eppure…i loro lavori, ricevono solo pochissimi “like” e/o approvazioni. Anzi, spesso vengono completamente ignorati… quanto lo trovate giusto?

A me spiace, perché ci sono persone che meriterebbero molto di più… per gratificazione, per incoraggiamento…

Questo non riguarda i riscontri che ho sul blog, il vostro sostegno e affetto mi gratificano non poco. La mia è un’osservazione generica di cui, comunque, mi sento vittima.

Peace.

Shio

Kazuya Minekura

Ciao a tutti,
come annunciato, si riprende, seppur in punta di piedi, a postare sul blog e lo faccio partendo dal meglio! Si perché questa è una delle mie autrici manga preferite in assoluto. Adoro il suo tratto e la sensualità che riesce a trasmettere con esso, peccato che le sue opere siano tutte “interminabili” anche se non certo per colpa sua!
Kazuya Minekura nasce nella prefettura di Kanagawa, isola di Honshū, il 23 marzo 1975. E’ forse uno dei mangaka più discreti che conosca, al punto che non solo si fa fatica a trovare informazioni che la riguardano, ma non esistono neanche sue immagini che la ritraggono, o almeno stando alla mia rete di informazione, ma se voi trovate qualcosa a riguardo, sarò ben lieta di aggiungerla. 😉 Continua a leggere

Ryòichi Ikegami

Ciao ragazzi, oggi vi parlo di un mangaka dalle altissime qualità tecniche. Un il mondo di shiorenuomo che ha, secondo me, raggiungo un livello di tecnica straordinaria, sto parlando di Ryoichi Ikegami.

Il sensei Ikegami nasce il 29 maggio 1944 ed inizia al sua carriera di mangaka come assistente del compianto e bravissimo sensei Shigeru Mizuki noto a molti per il  manga “horror Kitaro dei cimiteri” quando aveva appena 22 anni.
Dotato di grandi qualità, nel 2005 ottiene la cattedra all’università delle arti di Osaka.
Attualmente, nonostante ormai abbia 72 anni continua a serializzare una serie sulla rivista  Big Comic Superior.

Nel 2001 il sensei vince il premio Shogakukan Manga Award col il manga Heat.

Continua a leggere