Un piccolo sogno divenuto realtà.

Spesso si dice: mai una gioia, ma oggi sono davvero felicissima di sostenere il contrario. Credo che ognuno di noi ha un particolare libro legato all’infanzia. A quel tempo lontano, quando i ricorda profumavano di nostalgica magia e gli oggetti, in quanto rari, acquisivano immenso valore nel nostro cuore. Ebbene io ho un dolcissimo e meraviglioso ricordo legato a un romanzo che lessi quando andavo ancora alle elementari. Lo presi in prestito nella biblioteca civica di zona sotto consiglio di un’amica e rimasi folgorata dalla bellezza e dalla particolarità della scrittura a due inchiostri. Ancora adesso, a distanza di oltre trent’anni, ricordo quell’edizione così curata, con le illustrazioni e il doppio colore, con sincero affetto e oggi, quel ricordo si è materializzato nelle mie mani.

Dopo 40 anni dall’uscita de “La storia infinita” di Michael Ende, è stata pubblicata una ristampa fedele a quella originale e il mio cuore è tornato bambino, emozionandosi come non succedeva da tempo.

Shio

Chie Shinohara

Buongiorno e buon martedì a tutti, amici miei!

il mondo di shioren

Oggi vi parlo di una nuova mangaka, nuova per modo di dire, visto che i suoi manga sono tutti molto datati ormai ma rimangono comunque delle opere piene di bellezza e fascino.

Chie Shinohara nasce a Yokohama nel Kanto e più precisamente nella prefettura di Kanagawa il 15 febbraio di non si sa quale anno, perché come spesso accade, le donzelle mangaka occultano il loro anno di nascita. Le sue opere sono prettamente in stile shoujo, ma a differenza delle sue colleghe spesso e volentieri i suoi manga non sono proprio tutti pizzi e merletti come spesso accadeva in quegli anni, ma anzi, nascondono spesso tematiche horror e thriller, che danno all’opera un tocco in più. Continua a leggere

Felicità

Silenzio
Il mondo dentro una bolla
Mi sento come dentro un acquario
e guardo la gente che è al di fuori dal vetro
Tutta spenta, tutta uguale…
Tutta triste e vuota
Perennemente alla ricerca della propria felicità.
Ma cos’è poi la vera felicità?
Un sorriso?
Una mano tesa?
Un abbraccio?
Un consiglio?
Un ricordo?
Una foto?
Cos’è la felicità?
Continuo a chiedermelo mentre galleggio in un mare di incertezze,
Mentre osservo le persone farsi male per noia, per rabbia o per solitudine.
Continuo a pensare che questa esistenza è incompleta…
Che quel vetro spesso dietro cui mi sono rinchiusa mi protegge dagli altri
ma non da me stessa!
Devo uscire, ma ho paura!
Sono così abituata a vedere il mondo attraverso la mia bara di vetro che ora sono immobilizzata!
Come sono finita in un posto così triste e vuoto?
Come posso uscirne?
Cercavo la mia felicità, ma non l’ho trovata…
Cercavo il mio posto nel mondo e ho trovato degli amici…
E dunque questa la felicità?
Guardo una vecchia foto sbiadita dal tempo…
Guardo i nostri visi sorridenti…
Ricordo ogni istante di quel giorno…
E una lacrima mi scivola sul viso consumato dal tempo…
Ecco la felicità!

 

 

[original Shio]