Disegno natalizio

Mentre sono ospite di un’amica, mi sono comunque cimentata con carta, matita e colori per un disegno natalizio.

E che la festa, continui!

Il calore di un gesto…

Ciao a tutti, come molti, questi sono momenti frenetici dove bisogna mettere un po’ da parte noi stessi per un bene maggiore. E vi assicuro che, tra quello che vi ho scritto alcuni giorni fa e le corse sotto un cielo che non smette di piangere ormai da giorni, le forze si assottigliano. Eppure oggi, due persone mi hanno comunicato che hanno ordinato il mio libro su Amazon e non l’ebook, ma il cartaceo!!

Mi sono commossa.

Il prezzo non è poco e sapere che a questo mondo c’è qualcuno che ha fiducia nelle mie modeste doti narrative e che ha deciso di investire parte del proprio stupendio/mancia natalozia per avere una “mia creatura”, mi scalda il cuore.

Per chiunque voglia, il mio libro “L’Altra Me” è disponibile su Amazon. Che voi vogliate leggerlo o fare un regalo sotto l’albero, sappiate che, oltre alla mia immensa gratitudine, avrete l’opportunità di far leggere qualcosa di diverso dal solito romanzo rosa. E sono certa vi piacerà.

Link x l’acquisto:

https://amzn.to/34olMTt

Grazie a tutti.

Shio

“Wham! – Last Christmas

Ascoltare questa canzone mi ha sempre emozionato, ora mi commuove perché era la canzone natalizia preferita da mia madre che, non appena la sentiva, si metteva a ballare per casa.

Last christmas degli Wham! è a tutti gli effetti, la mia personale canzone di Natale insieme a “So this is Christmas” di John Lennon. E voi? Con quale canzone identificate il vostro personale periodo natalizio?

Buon ascolto.

Vi amo.

Shio ❤

Buona Immacolata

Ora dirò una cosa che sconvolgerà molti: da oggi, secondo la tradizione, è possibile addobbare l’albero, fare il presepe, posizionare ghirlande e chi più ne ha, più ne metta!

Forse, anzi, sicuramente, tra i miei lettori abituali, questa notizia non sembrerà poi così anomala, perché in più occasioni mi hanno dimostrato di essere persone attente alle tradizioni e a ciò che ci è stato trasmesso, ma quanti addobbano casa in relazione a quello che fanno i commercianti, e quindi intorno a metà/fine novembre? Una sera, tornando a casa dal lavoro, ho visto un balcone con le luminarie accese al 20 novembre! 🙄

Non dico che uno deve per forza rispettare quello che io rispetto, ma lo trovo così… brutto.

Continua a leggere

Challenge Natalizia

+christmasCiao a tutti, come state? A che punto siete coi vostri personali preparativi natalizi? Io sarò sequestrata dai parenti, quindi non avrò molto da fare 😉 ihihih

Questo che vi apprestate a leggere è il settimo capitolo di un  racconto breve che partecipa alla Challenge natalizia del Circolo di scrittura Rayanor’s Hall.
Che consiste nel creare un unica storia attraverso una staffetta dove ogni partecipante dovrà continuare la storia dell’altro.
Di seguito troverete i link per leggere questa magica storia a tema natalizio dal primo capitolo e ora, è il mio turno!!

ghirigori

Ecco i link precedenti:

1– I Profumi di Natale

2 – La Bancarella

3  – Il Ciondolo

4 – La dolce melodia

5 – I regali

6 –Stallo nei ricordi

ghirigori

7 – Inseguendo un sogno

Amelia non sapeva se quello che stava vedendo in quell’istante fosse un’illusione o realtà, ma non avrebbe permesso a quel bambino di sparire nuovamente nel nulla come avvenne tanto tempo fa. Si liberò dall’abbraccio soffocante della donna, ringraziandola velocemente e iniziò a inseguire quell’ombra per le strade coperte di neve.

Correva a perdifiato con mille domande che continuavano a martellarle in testa, ma con un’unica certezza: Quel bambino conosceva sicuramente le risposte.

«Aspetta!», urlò disperata, mentre continuava a urtare i passanti, «ti prego, non andare…», lo implorò con gli occhi colmi di lacrime. Scivolò sulla neve fresca ruzzolando in terra, ansimò infreddolita guardando in direzione di quelle spalle, ma ormai era troppo tardi, si era di nuovo allontanato e lei aveva perso la sua unica occasione. Strinse le mani a pugno lasciando che le lacrime le rigassero il viso quando una voce la fece trasalire: «Piangere non cambierà le cose», le disse quella voce. Alzò il capo di scatto trovando il bambino dinnanzi a sé con sguardo impassibile.

«Chi sei?», chiese Amelia incapace di dire altro.

«Dovresti conoscere la risposta», rispose serio il bimbo, poi si indicò il petto, «è qui. Cerca, Amelia, continua a cercare».

ghirigori

Il mio personale contributo a questa challenge termina qui.
Appuntamento col prossimo capitolo a domani dal profilo wattpad di Aliesse.

Big Kiss ❤

Shio.

 

 

 

 

Luci a Natale

Ciao a tutti, come state? 

Io abbastanza bene, coi miei soliti alti e bassi che mi rendono la vita più movimentata, ma ogni tanto mi godo questi piccoli viaggi che mi permettono di lasciare in un angolo del cuore tutti i pensieri negativi e mi posso dedicare a chi amo. Sono appena tornata da un weekend lungo passato con le mie amiche più care nella splendida Verona. 

Girando per la città addobbata a festa, ho fatto queste foto che ho voluto condividere con voi. 

Lucia, Ale, grazie di esistere! 

“Te Possino”, grazie per averci fatto incontrare e per aver ridato vita al mio cuore tramite loro. 

Con amore.

Shio ❤

Curiosità: Stella di Natale

il mondo di shioren

Buongiorno (e quasi buon pranzo xD) amici del blog, oggi a furia di vedere tutte queste belle cosine natalizie mi è venuta voglia di parlare di qualcosa che incarna il Natale e che magari tutti danno per scontato senza farsi domande sulle sue origini. La Euphorbia pulcherrima conosciuta meglio come stella di Natale è una pianta originaria del Messico. Curioso non trovate? Io ho sempre pensato erroneamente che il Messico fosse un posto caldo e quindi mai e poi mai avrei pensato allo stato del Messico come città natale della stella.
Allo stato selvaggio questa pianta può raggiungere anche i due ed i quattro metri dall’altezza.

Attenzione a tutti gli amici che hanno cani e gatti in casa:

Se avete una Stella di Natale ed uno di questi piccoli amici pelosi, fate attenzione, perché la linfa all’interno dello stelo di questa pianta più essere altamente tossica per i nostri amici a quattro zampe, ma anche urticante per l’uomo, quindi occhio 😉

La Euphorbia pulcherrima è conosciuta anche come “Poinsettia”, tale nome deriva dal primo ambasciatore degli Stati Uniti del Messico (nome completo dello stato del Messico) il cui nome era Joel Roberts Poinsett che la introdusse la pianta nel 1825.

shio ❤