Due anni, ma sembra ieri…

Penso che il 2019 sarà l’anno che non dimenticherò mai finché avrò vita, perché ha segnato con cicatrici incurabili il mio cuore e, una di queste, è lui: Manuel Frattini.

Manuel se n’è andato due anni fa, in punta di piedi, mentre partecipava a un ballo per beneficienza e, subito dopo la sua performance, il suo cuore si è fermato e, con lui, il cuore di tantissimi suoi fan che ancora non ci credono e che, probabilmente, non ci crederanno mai.

Per questo secondo anno, voglio ricordarlo così, con uno dei musical che l’ha reso famoso in tutto il mondo: Pinocchio.

Ovunque tu sia, il mio cuore, è con te, Manuel.

Mi manchi.

Ethel Frost e il sussurro del bosco.

Ciao a tutti, amici!

Oggi vi parlo di una illustratrice, autrice dal talento smisurato: Victoria Francés.

Qualcuno di voi la conosce?

È un’artista di grande talento e le sue opere sono illustrate in modo impeccabile.

Per anni ha deliziato noi lettori/appassionati con storie in perfetto stile gotico: vampiri, sirene, pittori maledetti, nessuno è stato risparmiato e ogni sua storia è risultata un mix perfetto di dark art e racconti noir.

Negli ultimi anni, però, si era dilettata in tutt’altro genere, il suo tratto era cambiato e, sinceramente, ai miei occhi aveva perso in qualità. Ed è per questo che ora sono così emozionata del suo ritorno nel suo genere preferito e lo fa con una storia oscura che parla di rinascita.

Edito da Rizzoli Lizard, Ethel Frost e il sussurro del bosco parla di caccia alle streghe, di una terra ormai morente che attende di rinascere attraverso la sua musa. 64 pagine di emozione, sussurri, illustrazioni mozzafiato…

La sinossi: Sotto i detriti del tempo giace un dolore che non trova consolazione… I ricordi si nascondono, sepolti in una terra morente eppure ancora attraversata da un alito di vita con cui cercherà di farsi sentire. Ma la salvezza richiede di riesumare le ombre del passato, per elevare lo spirito al di sopra delle sue ferite e rinascere alla luce di una nuova alba. La foresta desidera invocare la musa dei suoi sogni; tesse la sua corona in attesa del suo ritorno.

Per tutti gli appassionati del genere e del bel disegno.

Di seguito, alcune foto personali fatte alla mia copia.

Buona lettura.

Shio. ❤️

Io non dimentico!

IMG_20190910_0001

Come tutti gli anni, anche quest’anno è arrivato inesorabile l’anniversario del giorno che ha cambiato il mondo: l’11 settembre.
Questa data è una di quelle che è scolpita a fuoco nel mio cuore e che non posso e non voglio dimenticare perché farlo, sarebbe uno degli errori più stupidi che possa fare l’umanità insieme alla ricorrenza di Hiroshima o dell’Olocausto.

Prego per quelle anime che non ci sono più.
Per coloro che quel giorno hanno visto spegnere le loro speranze, i solo sogni.
Per coloro che hanno perso un parente, un amico, un compagno…una moglie o un figlio.
Prego per coloro che non sono morti quel giorno nel fisico, ma sono morti dentro e tutti coloro che si sono morti negli anni avvenire a causa delle malattie legate a questa tragedia.
Ecco prego per loro, perché non siano dimenticati…

9/11 – I don’t forget!

 

Shio ❤

 

Il troppo stroppia, sempre!

Ciao a tutti amici, come potrete facilmente immaginare dal titolo, questo è il solito “post sfogo/denuncia”. Essi prendono vita su questo blog quando inizio a sentirmi sopraffatta dall’ipocrisia altrui o, più semplicemente, quando “smetto di essere diplomatica” e scendo in campo conscia di poter infastidire qualcuno. Vi anticipo che il tema di questo post è “Nadia Toffa” per cui, se siete sensibili all’argomento, vi invito all’astenervi dal continuare a leggere, grazie.

Continua a leggere

Caro Fratello

Ciao a tutti,
come state? Spero tutto ok.
Bene, oggi vi parlo di un manga molto datato, scritto e disegnato dalla brava Ryoko Ikeda conosciuta dal grande pubblico attraverso una delle sue opere più importanti: Versailles no bara (Lady Oscar). Il titolo che vi propongo oggi è “Caro fratello”, una mini serie di soli 2 volumi che vi porterà all’interno di un prestigioso istituto scolastico femminile dove vigono delle regole e delle gerarchie che vanno rispettate.

il mondo di shioren

Continua a leggere

R.I.P.

il mondo di shioren
Vi avevo parlato di lui solo pochi mesi fa in occasione della rubrica relativa ai mangaka a mio avviso più importanti ed è per questo che ora mi sento in dovere di darvi la triste notizia della sua dipartita. Voci dicono che erano anni che fosse malato ed alla fine il male ha preso il sopravvento sul grande artista che con le sue tavole ha emozionato lettori in tutto il mondo, ieri, sabato 11 febbraio 2017 all’età di 69 anni, il sensei (maestro in giapponese) Jirò Taniguchi ci ha lasciati.
Non ho altro modo di fargli onore se non attraverso la sua arte…
Arrivederci Sensei.
il mondo di shioren

Ikigami

Buon sabato a tutti, amici!
Oggi vi parlo di un manga tosto, di quelli che danno da pensare, dove i sentimenti traboccano e non sempre si è sicuri di schierarsi dalla parte del giusto…
Dov’è la moralità? Dov’è la giustizia?
Scopritelo leggendo il manga di Motoro Mase dal titolo “Ikigami”.

il mondo di shioren

Continua a leggere

Un pensiero…una speranza

E’ da qualche giorno che sulla rete rimbalza la notizia del peggioramento dello stato di saluto del mangaka Izumi Matsumoto (pseudonimo di Kazuya Terashima nato a Takaoka, nella regione del Chūbu il 13 ottobre 1958) , noto al pubblico italiil mondo di shiorenano per aver disegnato le avventure di “E’ quasi magia Johnny” il cui titolo originale è “Kimagure Orange Road”, una serie che negli anni 80 arrivò da noi sia sotto forma di cartone animato (anime) sia come manga grazie alla casa editrice Star comics e, successivamente, dalla J-pop.

Purtroppo il sensei soffre da diversi anni di una malattia chiamata Ipovolemia del liquido cefalorachidiano che in pratica consiste nella mancanza di fluido corporeo che si trova nel sistema nervoso centrale, questa malattia attualmente in aggravamento ormai lo porta ad avere diverse convulsioni al giorno ed anni fa lo aveva costretto a letto diversi mesi, costringendolo a prendersi una lunghissima pausa dal lavoro. il mondo di shioren
Diagnosticatagli nel 2005, il sensei Matsumoto fu colto da malore già nel 1999, ora sembrava aver ripreso la sua vita ed il lavoro che tanto ama, aveva iniziato una nuova collaborazione con l’America per un progetto che riguardava il suo manga più famoso: Orange Road appunto, ma una ricaduta dovuta ad un incidente (passatemi il termine) stupido, si perché non ci si può ridurre in fin di vita perché un tizio sta perdendo il treno della metro e per questo corre come un forsennato travolgendolo e facendogli sbattere la testa… sinceramente questa cosa mi ha fatto tantissima rabbia. Non sono mai stata una fan sfegatata di Orange Road, anche se da piccola adoravo “E’ quasi magia Johnny”, crescendo scoprii che in realtà quel cartone fu stravolto dalla censura rendendolo un prodotto completamente diverso dall’originale…ma rischiare la vita per una cosa del genere fa davvero male.
Non posso non essere col cuore e con la mente accanto a lui ed alla sua famiglia e sperare che avvenga qualche miracolo, per quest’uomo che ha già sofferto tanto nella vita e che merita un minimo di serenità.

Fonte: Digital Manga

Drawlloween #22 “The Death”

Ciao a tutti, eccomi di ritorno e pronta a postare il Drawlloween di oggi che ha come tema:

“The Death
ossia (devo proprio tradurlo? T.T)
La morte”

Continuo a pensare che diventa sempre più tetro questo drawlloween, ma passiamo al disegno ed al suo sviluppo. Per creare la mia particolare morte mi sono ispirata principalmente a 2 cose: un famoso detto ed i Dissennatori di Harry Potter.
Direi che per i dissennatori non c’è bisogno di presentazioni, vero? 😉
Per quanto riguarda il detto, sarebbe bello se lo indovinaste voi, ma credo sia impossibile perché non sono brava a far capire le cose, quindi ve lo dico io. Avete mai sentito il detto: “Sono come il vecchio seduto sul greto del fiume che aspetta che passi il cadavere del suo nemico?”. A me questo detto piace molto e non nego che mi è capitato di usarlo di tanto in tanto, ebbene unendo queste due cose è nata la mia particolare morte, spero vi piaccia 😉

il mondo di shioren

Drawlloween #15 “Circles of hell”

Ciao a tutti, il drawlloween di oggi ha un tema un pò complicato:

“Circles of hell
ossia
Cerchio dell’Inferno”

E per rendere il tutto ancora più facile, la mia cara amica Alessia ha deciso di mandare all’inferno la “Preside” (scusate, ma non ha un nome proprio xD) del mio manga Sentimenti. Immaginate come le dev’essere piaciuta x°D
Comunque la cosa mi sono subito messa all’opera pensando in quale girone far finire la “simpaticona”, volevo un qualcosa che poteva calzarle bene, dato che comunque è un personaggio che nella storia ha un ruolo fondamentale, meritava tutto il mio impegno per mandarla nell’inferno giusto e, dopo tante ricerche ho trovato la sua collocazione:

<Ottavo Cerchio – “Fraudolenza” – Nona bolgia “Seminatori di discordia”>.

il mondo di shioren

La particolarità del servizio presso la nona bolgia prevede un personal demone tutto per se che tagliuzza il mal capitato ogni qual volta quest’ultimo si rigenera per ricordargli di come la sua perfida condotta ha portato alla rottura di un rapporto. Carino vero? Un servizio perfetto direi xD

E con questo è tutto, buon week ❤

Shio ❤