Cervello iperattivo, tempo zero.

Ciao a tutti e scusate l’assenza forzata, a quanto pare questo 2023 mi vuole impegnata su più fronti e non riesco a dedicarmi a ciò che amo fare: il blog e la scrittura in primis. A pensarci bene, forse il mio subconscio aveva già previsto che questo sarebbe stato un anno pieno di “magagne”, e mi ha invogliata a fare le cose con più calma, a non darmi scadenze editoriali. Ma lo sapete qual è il problema in questi casi? Che poi ti fai prendere dalla pigrizia, dal discorso “massì, tanto non ho fretta!”

Sbagliato! Sbagliatissimo!

Per carità, a me anziché pensare che non ho fretta, mi incacchio perché ho delle idee che non riesco a sviluppare e che poi rischio di non fare in tempo ed è orribile passare la tua esistenza a rincorrere il tuo cervello iperattivo, mentre tu hai i piedi cementati nel terreno.

Voglio scrivere, andare avanti con i miei progetti, ma per ora posso solo brontolare e sperare in un miracolo… 😞

Potrei affidarmi a qualcuno, lo so, ma sono abituata a cavarmela da sola e non riuscirei a fidarmi di nessuno che non sia me stessa, senza contare che nell’editoria (o per lo meno nella mia idea di editoria spiccia) l’ ultima parola sulle decisioni spetta a me, all’autore. Io sono l’unico responsabile di me stesso, pertanto qualsiasi figura mi affiancasse dovrebbe comunque rivolgersi a me, ma se io non ci sono perché non ho il tempo di esistere? 😅

Voi cosa fate quando sentite un vulcano di pensieri in testa e zero tempo per realizzarle?

Io solitamente mi dico: Anna respira, fai le cose con i tuoi ritmi, una cosa per volta…

Ma accetto consigli. 😊

Big kiss. 😘

Pubblicità

Cose belle ♥

Come già sapere oltre la scrittura mi piace anche disegnare. Non potendo più far molto affidamento sulle mie scarse doti, continuo ad ammirare quelle altrui e ultimamente sto adorando il tratto particolare di questo artista. Lui è Benjamin Lacombe e questa è la sua arte gentilmente regalatami per Natale da una persona davvero molto speciale! ♥

Buon lunedì 🌺

Ciao a tutti amici e buon inizio di settimana!
Dopo un weekend di riposo mi sento abbastanza meglio, ho ancora qualche strascico, ma nulla di troppo preoccupante. 🙂
Vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno mandato messaggi di incoraggiamento e si sono stretti intorno a me in questo momento un po’ delicato, è bello essere circondata da persona come voi, grazie dal profondo del cuore. ♥

Ora, salvo altre intromissioni esterne, do ufficialmente inizio alla lavorazione del nuovo progetto editoriale.
Come già vi avevo accennato, quest’anno non mi sono prefissata una data di scadenza, non punto alla pubblicazione entro la fine del 2023, tuttavia, dovesse succedere, ben venga!

Ora si incomincia con la revisione de L’Altra Me, il mio romanzo di esordio che potete reperire su Amazon e leggere gratis se abbonati a Kindle Unlimited e poi mi piacerebbe mettere di nuovo mano al fantasy interrotto anni fa, ma temo che lì ci sarà parecchio lavoro da fare… Per cui gambe in spalla e buon lunedì a tutti!

Anno nuovo, vita… vecchia!

Non che mi aspettassi che allo scoccare della mezzanotte del 31 la mia vita sarebbe cambiata, ma neanche peggiorata!
Quest’anno non ho usufruito di ferie nel periodo natalizio, avrei voluto e sarebbe sicuramente stato meglio prenderle, ma non me le hanno concesse per esigenze lavorative, ma sarebbe più opportuno dire perché poi gli mancava l’agnello sacrificale!

Non entrerò nel merito, non mi piace farlo e in parte neanche voglio. Quello che mi preme è scusarmi con voi per l’assenza. Nell’ultimo post del 2022 avevo scritto che mi sarei impegnata per tenere il blog il più aggiornato possibile e invece, sono stata ridotta allo sfinimento da un carico di lavoro, da un’accanimento così spudorato ed eccessivo che in questi giorni faccio fatica ad alzarmi dal letto a causa dei crampi. Il dolore è così intenso che ieri ho avevo la nausea e mi veniva da vomitare. Ho lavorato in condizioni disperate, senza due secondi di sosta e neanche quando mi sono fisicamente sentita male, intossicandomi con un prodotto che mi è stato imposto di usare, si sono fermati, anzi, il giorno dopo: stesso prodotto, stessa tipologia di lavoro massacrante.
Per tutta la settimana sono stata costretta ad assumere farmaci per potermi muovere a sufficienza e non essere costretta a farmi richiamare anche per inefficienza lavorativa.

Grazie a Dio questa settimana infernale si è conclusa, domani non lavoro e spero di riuscire a recuperare le forze in questo weekend e di far calmare i dolori che mi stanno tormentando tutto il corpo.

Avete presente quando a scuola facevate ginnastica per la prima volta dopo mesi? Quella sensazione di dolore acuto a ogni respiro o movimento? Ecco recuperate quel dolore e centuplicatelo, solo così potrete leggermente avvicinarvi al mio attuale stato fisico.

Sto da schifo, impalata nel letto, tuttavia volevo comunque darvi segni di vita, visto che non sto neanche più commentando o mettendo like ai vostri post.

Se sono sparita, non dipende da me, non sono scappata alle Hawaii, ho solo visto l’inferno.

Vi abbraccio tutti.

Buon 2023

E anche questo 2022 ci sta lasciando, domani sarà l’alba di un nuovo giorno, un nuovo anno.

Se dovessi fare un bilancio personale di quest’anno che si chiude, direi che almeno dal punto di vista editoriale non posso lamentarmi: pubblicare due romanzi, uno da oltre 650 pagine e l’altro da 200 a pochi mesi di distanza, non è male! Posso affermare con certezza che questa è la mia unica personale gioia, per il resto, si sopravvive ormai un po’ a tutto: sul lavoro, in famiglia, con coloro che chiami amici…
Questi anni di covid hanno intaccato molto il mio modo di vivere le persone intorno a me e sempre più spesso mi scopro terrorizzata al pensiero di entrare in un luogo troppo affollato.

A voi capita?

E’ una sensazione molto sgradevole. Ho già tanti tabù, tante restrizioni… non ne avevo poi tutto questo bisogno! 😅

Per cui prego con tutto il cuore che questo 2023 possa restituirci un po’ di quella tranquillità emotiva, far rinsavire i potenti del mondo affinché questa guerra si concluda prima che sia troppo tardi e che diventi la nuova autrice di punta di Amazon publishing! 🤣 Sì, ok, l’ho sparata grossa, dopotutto è solo un nuovo anno, mica un dispensatore di miracoli! 🤣

E per quanto riguarda i buoni propositi? Beh, quelli li conoscete già. Ho tante idee per nuove storie romanzate, tante cose da leggere, tante altre da vedere e giocare, ma la giornata è composta da sole 24h, ho una vita che non mi da molto tempo per respirare e questo mi frena ma, come sempre, farò del mio meglio per garantire la mia presenza qui, per portarmi avanti con le mie passioni e, soprattutto, scrivere un nuovo romanzo… ecco! Il mio unico buon proposito ufficiale per il 2023 sarà quello di impormi storie più brevi!

Ce la farò? Chissà. 🙄

Bene, ci siamo! Con questi deliri più o meno sensati, vi auguro una buona fine e un’ancora più spettacolare inizio!

Buon Anno amici e grazie per essere ancora parte della mia community, della mia vita. ❤️

Buon Natale!!

Scusate la quasi latitanza ma, come detto, mi sto godendo il mese di dicembre mettendo un po’ da parte i social e riscoprendo alcune cose di cui mi privo durante l’anno per dedicarmi unicamente alla stesura del romanzo di turno. Ed è così che ho recuperato qualche manga da leggere, (ma ne ho ancora una valanga), ho letto e finito un libro e iniziato un altro ma, come per i manga e i rotoloni regina, non finiscono mai neanche loro!! xD E ho visto qualche buon film… e poi, ho provato a fare la cosa che più mi manca: disegnare.

Non è stato facile, i miei problemi di salute in questo non aiutano affatto, ma ho continuato a dirmi: devo farlo per il blog, per coloro che mi vogliono bene e che mi sostengono tutto l’anno… devo farlo per loro! E questo è il risultato dei miei sforzi, spero vi piaccia. ♥

Buon Natale a tutti amici, spero che possiate trascorrere queste giornate di festa nel modo che più vi aggrada perché, diciamocelo, a volte anche oziare senza fare nulla in particolare, è un buon modo per festeggiare. Per cui non importa quale sia il tuo Natale ideale, l’importante che tu lo trascorra come desideri e che sia un giorno speciale.

Auguri di tutto cuore. ♥

Anna.

Offerta librosa!

Ciao a tutti amici, ormai ci siamo, Natale è alle porte e la nostra Alessia del blog La Corte, ha pensato a un regalino dell’ultima ora per tutti voi. Forse non tutti lo sanno, ma Alessia oltre che essere una blogger ha anche scritto diversi racconti che potrete trovare nel suo blog e un Dark Fantasy attualmente in vendita su Amazon e che, per l’occasione, è GRATIS!

Sì, avete letto bene: GRATIS! Ma affrettatevi perché la promozione è valida solo per il 24 e il 25 dicembre!

Vi lascio i dati.

Scheda libro:

Titolo: Havel
Autore: Alessia M. Lo Curto.
Genere: Dark Fantasy.
Num. Pag.: 216
Costo ebook: € 2.99
Costo Cartaceo: € 12.90
GRATIS per gli iscritti a Kindle Unlimeted.
Per acquistare Havel o leggere l’estratto, cliccate sulla parola: “ACQUISTA“.

SINOSSI:
“Terra allora risvegliò l’antico male dimenticato da secoli. Spaccò la crosta, permettendogli di tornare alla luce. Le piante seccarono e incendi divampavano da una semplice scintilla, l’aria presto si riempì di fumo e cenere. I verdi prati divennero rossi e gli alti alberi divennero come pietra.”

Quando le divinità iniziarono a litigare fra di loro, a farne le spese furono gli umani. La pioggia divenne nera, contaminò paesi e inaridì i terreni. Il mondo di Cabbal ne rimase sconvolto, in balia dei sentimenti degli dèi decisi a sterminare i mortali scatenando epidemie e carestie, ma in quella distruzione si accese una piccola speranza.

Nella vecchia città portuale di Demo vive un ragazzo albino di nome Havel. Ogni giorno che passa, osserva da lontano gli abitanti sopravvivere a stento, chiusi tra il teribile mare e il bosco pietrificato. Dopo aver perso tutto e stanco di una vita vissuta al varco, Havel sceglie di attraversare la foresta per raggiungere Azilut, la città sacra dimora degli dèi. Forse, un modo per fare la differenza c’è.
Basta solo scegliere.

I miei personali cult movies natalizi

Eh sì, anche se latito in questi giorni, volevo comunque dire la mia su cosa vedere in questi giorni di festa… per chi farà festa ovviamente, la sottoscritta lavorerà persino la vigilia, ma non ci pensiamo… 🙈

Partiamo dal presupposto che i gusti sono strettamente personali e che quello che piace a me, può non piacere a qualcun altro e viceversa. A volte leggo in giro di suggerimenti che sembrano legge per la serie: se non ti piace, non capisci una “H”, ma non è proprio così, in nessun ambiente o contesto e questo concetto può essere applicato di fatto anche a una canzone, un film, una serie tv, un libro, un fumetto… insomma, qualsiasi cosa che può smuovere emozioni in una persona, non è detto che possa in un’altra. E’ una cosa elementare, una legge universale se vogliamo, ma che spesso molti dimenticano.

Dopo questa premessa, parto con quei titoli che caratterizzeranno sicuramente il “mio” di periodo natalizio, pronti?

1 Nightmare before christmas.

Film d’animazione cult per eccellenza, uno dei pochi film d’animazione che puoi guardare sia a Natale che ad Halloween e non ti lascerà mai insoddisfatto. Regia di Tim Burton, Nightmare before christmas parla del re del regno di Halloween che ormai stufo della monotonia, vuole sperimentare cose nuove. Un giorno, durante il suo girovagare finisce nella terra di babbo Natale e ne resta così entusiasta che decide di farne una sua versione e sostituirsi a Santa Claus, ma con scarsi risultati. Perché? Scopritelo guardandolo, è davvero tanto carino! ♥

2 Harry ti presento Sally.

Più che un cult movies natalizio, Harry ti presento Sally è una commedia romantica ma, diciamocelo, dove sta scritto che dobbiamo vedere soltanto elfi e babbi natale a Natale? Io ho sempre pensato che in questo periodo bisogna guardare quello che per noi rappresenta una coccola emotiva e non quello che ci viene imposto dai media. Comunque, Harry ti presento Sally è la storia di un’amicizia tra uomo e donna, perché questo genere di cose possono esistere, oppure no? Frizzante, divertente, una commedia che vi farà sorridere con un brillante Billy Cristal e una bellissima Meg Ryan.

3 Pomi d’ottone e manici di scopa.

Scrivere questo titolo mi fa pensare a lei, all’unica e inimitabile Angela Lansbury. Penso che questo film sia stato quello che più mi ha fatto innamorare di lei, del suo talento. Ancor prima della signora Fletcher, c’era lei, miss Price e il suo corso per stregoneria. Pellicola molto datata del regno Disney, Pomi d’ottone e manici di scopa, è uno dei primi esperimenti cinematografici che fondeva animazione a personaggi in carne e ossa. Forse adesso, con le tecnologie attuali, questo genere di pellicole potrebbero far sorridere, ma per me rappresentano un caldo ricordo dell’infanzia che non mi stancherò mai di rivedere.

4 Love Actually.

Lui è quanto c’è di più classico nei classici del periodo. E’ credo uno dei film natalizi che più mi piace, perché non è per forza buono come la festività richiede, anzi, ha quel retrogusto agrodolce che rispecchia la vita reale, perché non basta dire che è Natale perché tutto vada per il verso giusto, i cattivi diventano buoni e la gente canta e balla per strada. A volte le cose vanno bene, a volte meno. A volte si è innamorati e ricambiati, a volte no… va così. Ed è questo lato molto veritiero e semplice di Love Actually a piacermi molto, perché per quanti happy ending ci sono all’interno del film, non sono mai abbastanza.

5 S.O.S, Fantasmi.

Un classico degli anni 80! Una particolare e, per l’epoca, moderna rivisitazione del personaggio di  Ebenezer Scrooge interpretato da Bill Murray che si ritroverà in una caotica New York alla vigilia delle feste, di quelle feste e in quella magia a cui non crede più da anni, ma ci pensaranno i vari fantasmi a fargli cambiare idea!

6 Edward mani di forbice. Una favola moderna (anni 80) della paura e il rifiuto verso chi è diverso da noi. Una storia dolce e per certi versi amare, non propriamente scontata ma carica di tutta la magia che solo Burton sa donare alle sue pellicole. Il film che ha fatto innamorare Winona Ryder e Johnny Deep. Un cult, almeno per me. ♥

E se poi ho ancora tempo… la saga di Harry Potter che sicuramente non ha proprio molto di natalizio, ma chissene, Harry Potter va bene tutto l’anno, quindi anche a Natale! 🤣

Ecco, questi sono i miei obiettivi in questi giorni festivi, film più, film meno, ho intenzione di rivederli tutti.
E voi?
Quali sono i vostri film per le feste? Quelli che, cascasse il mondo, dovete rivedere in questo particolare periodo dell’anno?

Alla prossima.

Kisses. ♥

Pensieri da scrittore #12

Ogni volta che vedo la foto di un tramonto sul mare, il mio pensiero e il mio cuore volano a Christopher ed Ann di Ritorno a Breuddwyd. Non vi nego che provo molta nostalgia nei confronti di questi personaggi e di tutto il mondo che ho faticosamente costruito intorno a loro. Breuddwyd non esiste se non nella mia testa e nel cuore di chi ha letto la mia storia e l’ha amata.

Ma questo post non voleva essere qualcosa di commemorativo per i miei ragazzi, stavo semplicemente cercando un’immagine da abbinare a queste poche parole e, quando mi sono imbattuta in questa, ho pensato: “cavolo, la donna sullo scoglio intenta a guardare il mare immersa nella luce del tramonto potrebbe essere Ann…”.

Sto per fare una domanda un po’ strana, ma vi capita mai di ripensare ai personaggi che avete creato o letto in qualche romanzo?

Vi succede mai di vedere un oggetto, un paesaggio e dire: questo al mio “xxx” piacerebbe?

A me sì, spesso. E a prescindere da quando sia più o meno normale, è una cosa che mi piace. E’ come se tutti i pg da me creati, continuassero a vivere in me, nel mio cuore, come persone che ho conosciuto davvero, come piccole parti di me.

Ann, Christopher, Dean, Lucy… ma anche Melanie, Michael, Kimberly o Edward, Adam, Emmett, Mark, insomma… tutti, tutti quanti questi personaggi vivono in me per sempre, mi mancano forse perché ho amato ognuno di loro profondamente, perché sono una parte di me, quella buona, che è riuscita ad emergere, che ha avuto la forza di scontrarsi contro la mia perenne insicurezza e vincerla.

Non penso che tra voi amici ci sia qualcuno che abbia letto uno dei miei romanzi, forse due, o tre persone, ma non di più…

Ma se ci fosse.

Se da qualche parte, oltre questo schermo, ci fosse qualcuno che in qualche modo è entrato in connessione col mio cuore attraverso i miei personaggi, le mie storie…

Se tra voi c’è qualcuno che ha letto L’Altra Me, Complicated Love, Ritorno a Breuddwyd o Complicated Xmas, mi piacerebbe sapere… quali tra i tanti personaggi che animano queste storie tra protagonisti, coprotagonisti, comparse e comprimari vi è più rimasto nel cuore? Chi è o chi sono i personaggi che più avete amato?

Considerate questa mia richiesta come un piccolo regalo di Natale, ma non preoccupatevi se nessuno di loro è entrato nella vostra classifica di gradimento, non importa, questo non li farà perdere valore ai miei occhi, anzi, in tal caso, li amerò ancora di più, perché per me sono importanti.

Bene, dopo questa riflessione, ritorno nel mio silenzio web… come detto nel post precedente, voglio godermi dicembre e poi a gennaio si riparte con i progetti, ma per ora, relax nel minimo consentito, manga, serie tv, film, videogiochi, libri, ecc ecc…

Alla prossima. ♥

Ciao Kirstie

Fin da piccola ho sempre pensato fosse una bellissima donna, ammiravo i suoi occhi bellissimi, i suoi capelli folti, il suo essere così brava da saperti far ridere e piangere al tempo stesso.

Kirstie Alley è un’attrice che probabilmente la nuova generazione ignora.

Il suo potenziale, la sua “stella” è brillata soprattutto negli anni 80 e 90, dopodiché l’oblio, i problemi di alcool e tutte quelle complicanze che purtroppo hanno colpito gli attori di quegli anni, forse perché troppo consumati dal successo.

Il mio pensiero in questo momento vola anche a John Travolta che in poco tempo ha visto morire due partner cinematografiche che sono state delle grandi al suo fianco, riuscendo a brillare insieme.

71 anni, al giorno d’oggi, sono davvero pochi per morire, ma si sa, quel maledetto male, non guarda in faccia nessuno.

Buon viaggio Kirstie e grazie per tutte le grandi emozioni e per aver resto la mia infanzia e adolescenza migliore.