Coming soon: Complicated Love

Ciao a tutti amici e buona domenica. Non so da voi, ma qui l’estate si preannuncia rovente: si boccheggia!! 😭

Ma nonostante il caldo, io e il mio fedele ventilatore, stiamo lavorando al massimo delle nostre possibilità, soprattutto lui veramente, visto che i miei turni lavorativi, sono ancora parecchio ballerini… 😑 Comunque, sono lieta di annunciarvi la frase rappresentativa del mio nuovo romance: “Complicated Love”. È una frase estratto, quindi è presente anche nel romanzo.

Cosa ve ne pare?

È una cosa difficile da spiegare a parole, è una sensazione, una necessità. Incroci lo sguardo di quella persona e senti che è quella giusta. Non c’è una logica, succede e basta e Adam è la mia persona giusta, ne sono sicuro.

Appena avrò altri aggiornamenti sul nuovo lavoro, ve lo farò sapere. Nel mentre…

Buona domenica a tutti!

Big Kiss.

Shio 😘

Ciao maestro…

Un vanto italiano…
Un uomo conosciuto in tutto il mondo e che tutti abbiamo amato attraverso la sua musica.
I film non sarebbero stati così meravigliosi senza la sua arte ed è bello vedere come Hollywood lo stia ricordando pian piano attraverso ricordi…
Questo 2020 si è portato via un altro grande maestro, un uomo, un padre, un nonno…
Il cinema ha perso la sua anima…
R.I.P. maestro.

Ciao Ennio Morricone, voglio ricordarti con una delle colonne sonore che più mi ha emozionata e che mi ha fatto avvicinare a te… no, non parlo dei soliti spaghetti western, ma di una suonata per violini, di pianoforte, di una particolare colonna sonora che fu per me, l’inizio di un viaggio nel suo mondo, nella sua arte…

Canone Inverso – Making love.

Shio ❤

Il dato è tratto!

Buongiorno amici, come state?

Spero bene.

Io sciolta. Fa un caldo che si suda solo al pensiero di sudare… 😅

Giorni fa chiesi il vostro aiuto per una situazione per me delicata ma, a parte la gentile risposta di Sara, nessuno ha minimamente provato a dire la sua a riguardo e questo mi ha aiutata molto. Si, perché sostanzialmente ho compreso che non frega un cavolo a nessuno e, pertanto, qualsiasi sia la mia scelta, per i miei lettori è indifferente… Detta così suona male, lo so. Ma non sono arrabbiata o offesa o, che ne so? Delusa. Prendo atto del vostro silenzio e lo elaboro in base al mio particolare metro di giudizio. Non so se verrò apprezzata o crocifissa per questo, ma… Ho deciso!

Pubblicherò il romance m/m, conosciuto anche come “Boys Love”, col mio attuale nome, e cioè Anna Esse.

Andrà bene? Bene.

Andrà male? Pazienza.

Io credo in questa storia.

Credo nei miei protagonisti e nel loro spaccato di vita che condividono col lettore attraverso le pagine del libro…

Il titolo?

Complicated Love” di Anna Esse.

E, chi mi ama, mi segua!

Big Kiss.

Shio 😘

AAA. Consigli cercasi

Fare la cosa giusta, non è mai facile. Quello che ormai mi tormenta di mesi, non è qualcosa che può nuocere al prossimo ma, al massimo a me stessa.

Dopo la conclusione de “L’Altra Me“, misi subito in cantiere un racconto fantasy ma, man mano che cominciavo a ricevere commenti e critiche (più o meno costruttive) sul mio romance, nacque in me il desiderio di metterne al mondo un altro, un po’ per senso del dovere, un po’ per riscattarmi agli occhi di chi aveva considerato “L’Altra Me” un romance poco romance.
Dato che sono bravissima a complicarmi la vita, in questo nuovo romance, ho voluto narrare una storia d’amore omosessuale e qui, ho scoperto due cose fondamentali:
1- non so scrivere un romance degno di questo nome!
Ci sono autrici che scrivono cose mielose al secondo. Litri e litri di glucosio liquido che farebbe venire la carie persino ai denti finti esposti in uno studio odontoiatrico e…
2- sono il genio delle complicazioni!

Ben arrivato, Giugno.

il mondo di shioren

Non ho fatto in tempo a riprendermi dallo shock del rientro lavorativo di metà maggio che già siamo arrivati a giugno!
E’ incredibile come vola il tempo ora che si ha di nuovo una routine da seguire, ma sono sincera, a me la quarantena non dispiaceva affatto. Avrei continuato ancora per un bel po’, ovviamente con la possibilità di uscire di casa come adesso e i negozi aperti… eh, si, lo so, chiedo troppo!

Ho scelto di dare il benvenuto a questo mese di transito tra noi e l’estate con un fiore che amo tantissimo, ma che non ho mai avuto il piacere di toccare con mano, se non attraverso un fioraio che ne aveva alcuni recisi… ma quanto bello dev’essere passeggiare in un campo di Girasoli? Perdersi nel loro profumo, nascondersi al riparo della loro maestosità…
Scusate, oggi sono in modalità sognatrice ❤

Ben arrivato, Giugno! ❤

Shio.

il mondo di shioren


E, per gli amanti del romance e della lettura…
Vi ricordo sempre il mio primo romanzo, in esclusiva solo su Amazon:
L’Altra Me che potete acquistare a cliccando su “ACQUISTA“.

Tutti migliori? Dove…?

Sono immobile a guardare fuori dalla finestra il mondo che, piano piano, sta riprendendo a scorrere.
Lentamente i negozi stanno aprendo, i cantieri coi loro rumori infernali hanno rincominciato a farmi da sveglia poco più tardi dell’alba e anche il mio quotidiano sta a poco a poco cambiando evolvendosi in qualcosa che è a metà tra quello che eravamo prima di questo casino e quello che stiamo diventando, ma quanto davvero questa esperienza ci insegnerà?

Quanti di voi sentono di aver imparato qualcosa da tutto questo?

Occhio, non parlo di impastare pizza o di fare a mano una piccola atomica fatta in casa col lievito di birra, parlo di cose più personali, intime…
Dicevano che le persone, dopo questa emergenza, sarebbero diventate più buona, più solidale… per quanto mi riguarda la mia piccola cerchia personale, la gente è rimasta la solita, vecchia, maligna e insensibile.
Soprattutto in ambito lavorativo…
Se solo potessi scrivere quello che vivo tutti i giorni…

Una buon “non festa” a me!

il mondo di shioren
Trovo che a volte, la globalizzazione di alcuni avvenimenti sia davvero crudele.
Oggi, come ben sapete è la festa della mamma ed io sono giorni che ricevo pubblicità tramite email con slogan del tipo:
“Quest’anno, anche lontani, sorprendete la vostra mamma!”.
“La festa della mamma non va in quarantena, fai gli auguri alla tua mamma in modo unico e speciale!!”.
E simili…
Continua a leggere

Ciambelle 2.0

E, quando le mie mani non sono impegnate a scrivere, fanno danni maggiori per la salute: cucinano! 😂

Oggi, per la seconda volta, ho provato a fare le ciambelle al forno visto che mio padre la prima volta le aveva apprezzate e, niente, stavolta mi sento così contenta del risultato, che ho voluto condividerlo con voi.

Big Kiss.

Shio

Buon Primo Maggio

Che strano…

Oggi è la festa dei lavoratori. È così da anni e, da anni, nelle piazze delle più importanti città, si organizzavano incontri, manifestazioni. Le persone, i più giovani soprattutto, attendevano questo giorno per poter assistere alle performance di alcuni dei loro cantanti preferiti senza pagar nessun biglietto. Per altri, oggi era l’occasione per una piccola gita fuori porta, per una grigliata in riva a un fiume o, più semplicemente, una passeggiata con tutta la famiglia sotto i portici del centro ad ammirare le vetrine.

Oggi, è la festa di chi lavora in teoria, ma è la festa di tutti! Eppure quest’anno mi sembra così insipida…

Continua a leggere

Siamo chiusi in casa da un mese e mezzo ormai, chi più, chi meno. Non ricordo neanche più come si lavora e temo di non entrare neanche più nella divisa 😅. Dovrei godere di una festa che sostanzialmente non mi sono meritata, perché non sto lavorando da un po’ e non vedo nulla per cui festeggiare? Si, è vero, da quando è iniziata la quarantena ho lavorato al romanzo senza risparmiarmi un attimo. Mi sono arrabbiata, snervata e insultata per non essere producente quanto vorrei, ma purtroppo le parole, quando si fanno determinate cose, non escono a comando. Per cui, anche se non ho indossato la mia divisa da operaia. Anche se non ho passato il mio tesserino all’ingresso e fatto scorrere il badge nella bollatrice, in un certo senso ho comunque lavorato. Ho contribuito a produrre una storia, e ne ho quasi conclusa un’altra e ho evitato di impazzire stando 24h su 24 in una casa con dei muri sottili e dei vicini che sembrano vivere in uno stadio o nelle caverne a martellare pietre. (stanno urlando e sbattendo oggetti anche in questo momento).

 

Ritengo di aver fatto molto a livello morale per meritarmi questo giorno di festa, eppure, la consapevolezza di alcune realtà stravolte da questi ultimi due mesi ormai, mi lasciano l’amaro in bocca.

Continua a leggere