Ciao Manuel

Oggi avrei dovuto riprendere con le FantArt, era già tutto pronto e avevo già anticipato i disegni su Instagram, ma ora non ne ho più voglia…non ce la faccio perché il mio cuore è colmo di dolore e non riesco a frenare le lacrime.

b54b8558-767e-4564-ae2f-806e2e8a3690

25 maggio 1965 – 12 ottobre 2019

Oggi è arrivata la notizia della morte di un grande: Manuel Frattini che si è spento ieri a Milano per un malore durante uno spettacolo di beneficenza; aveva solo 54 anni e… Dio non posso ancora crederci! Non ci posso pensare!
Lui è stato il motivo per cui ho incominciato a vedere i musical a teatro.
E’ stato il motivo per cui mi sono appassionata alla danza e ai programmi televisivi, quelli di una volta… dove i ballerini dovevano ballare e non solo far vedere pettorali, seni e fondo schiena.
Ricordo che quando iniziava un nuovo programma TV, se c’era lui nel cast, lo seguivo solo per vederlo danzare. Per vedere quel sorriso e quella folta chioma corvina agitarsi senza risparmiarsi… lui era speciale…unico.
Ho avuto la gioia di incontrarlo personalmente due volta, facendo la posta nel retro del teatro per scambiare due parole, fare un autografo e una foto e… e niente… qualsiasi cosa scrivo, le mie lacrime non si frenano…
L’ho amato come nessun altro!
E il mondo della danza non sarà più lo stesso senza di lui!
Lui era il musical in Italia e, si dica quel che si vuole, era il migliore!!!

1-sindrome-da-musicalQuando lo incontrai la prima volta, tremavo come una foglia. Le mie mani erano un blocco di ghiaccio e non riuscivo a parlare dall’emozione. Difatti ci pensò il mio ex a introdurmi, presentandomi a lui come una delle sua fan numero uno perché, già a quel tempo, lo seguivo praticamente da oltre dieci anni. Lui mi sorrise, mi prese le mani tra le sue e, quando vide che non riuscivo a esprimermi liberamente, mi accarezzò il viso prima di abbracciarmi dolcemente. Rimase a chiacchierare con noi per interi minuti, senza dar minimamente l’idea di essere di fretta o di affaticamento nonostante avesse appena finito di ballare. Sorrideva, ascoltava ogni assurdità che usciva dalla mia bocca e annuiva sereno, mentre continuava a scaldarmi le mani tra le sue… non lo dimenticherò mai. Non si può dimenticare una persona come lui, non si può e non si deve.

Non voglio dirti addio Manuel, non voglio dirti rip… perché tu continuerai a vivere per sempre nella memoria di chi ti ha amato… nella mia.

Ti amo Manuel.

 

17820972_1431141583623488_1566593020_n

[cliccando QUI , troverete troverete un articolo dettagliato sulla sua carriera]

9 pensieri su “Ciao Manuel

    • È lo stesso che fece poi Uncino in Peter Pan o l’altro? Ora mi sfugge il nome, ma anch’io ho il cd. Ero andata a vedere lo spettacolo anni fa e fu meraviglioso. ❤
      Forse hai ragione ma, senza Manuel, non sarebbe la stessa cosa. Lui ha ridato vita al musical in Italia…

      "Mi piace"

      • Pignatelli è parecchio bravo ma non era sul mio cd, Manuel forse c’era ma non ho il cd qui per verificare.
        Ti credo sulla parola che fosse un trascinatore.
        Spesso in queste persone c’è un entusiasmo alla vita che ci sorprende, mi piacerebbe contornarmi di tutte persone così, un vero peccato che vivano intensamente e ci lascino troppo troppo presto
        Un abbraccio

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...