Domande e riflessioni

Guardo la felicità su volti estranei
Guardo l’amore fiorire intorno a me
Mentre tutto sembra armonico e perfetto da apparire falso e soffocante, poi…
Ci sono io.
Io e le mie paure.
Io e le mie ansie.
Io e i miei dubbi.
Siamo quello che abbiamo vissuto dicono,
Questo fa di me una persona che ha sofferto molto in passato?
Si.
Fa forse di me una persona che ha chiuso il cuore al prossimo perché timorosa di soffrire ancora e ancora?
Si.
Guardarmi dentro è l’oblio…
Vedo tante me che mi osservano con migliaia di sguardi diversi:
Curiosità, dolore, supplica, speranza, desideri, lacrime, quegli occhi vitrei che mi osservano trasmettono tutto quello che io ho sempre sostenuto e temuto.
Invidio chi ancora riesce a sorridere…
Invidio chi ancora è in grado di amare…
E chi è amato.
Io amo?
Si.
Io sogno nonostante tutto?
Si.
E’ forse questo vivere?
Non saprei, ma di certo il mio cuore batte, il mio corpo cambia e invecchia
E questo, fa di me un essere vivente.
E’ sbagliato amare senza fare di un unico individuo il beneficiario di questo sentimento?
E’ forse sbagliato, amare chi si ha la certezza che non ti ricambi solo per proteggere il proprio cuore da l’ennesima delusione?
E’ forse sbagliato amarti?
A queste domande il silenzio tace la sua risposta,
Il vento urla il suo disappunto,
La pioggia inonda il mio viso pallido e stanco.
Anche questa notte ho disturbato abbastanza la Luna con le mie domande…
Le stelle ammiccano scintillando affettuosamente e il mio cuore trova di nuovo la pace che tanto anelava…
Addio.

[original Shio]

~***~

Ps: Immagine fornita da Google, può essere soggetta a copyright.

Tokyo ESP

Ciao a tutti, oggi finalmente riesco a ritagliare un po’ di spazio da dedicare a voi miei cari amici e lettori del blog. Alcuni giorni fa, tra una sala d’attesa e l’altra dei vari ospedali dove sono stata, ho finito la lettura di questo manga che definire “assurdo” è dir poco ma che riesce a tener alta la tua attenzione fino all’ultima pagina.
Si tratta di “Tokyo ESP” di Hajime Segawa.

il mondo di shioren

 

ghirigori

Continua a leggere

E poi… me!

Ciao amici miei, come state?
Io ho avuto una settimana intensissima e sto vivendo questo weekend come un vero miracolo! xD
Vi capitano mai quelle giornate in cui non avete voglia di nulla e vagate per le strade della città coccolandovi andando nei vostri negozietti preferiti? Avete presente quali dico? Quelli dove di solito voi vedere il cartello con scritto: “io qui è meglio se non entro”, perché sapete per certo che comprerete qualcosa. xD
Voi ne avete di negozi così?
A me di solito succede con posti come La Feltrinelli o le fumetterie, o Cartolerie per non parlare di quella droga del “no sense” che è Tiger!! Ecco, se entro in uno di questi posti, esco sempre con qualcosa, è matematico…naturale!
La coccola inizia con la colazione al bar che faccio rarissimamente, al punto che se i baristi dovessero campare coi miei soldi, morirebbero tutti di fare e, per colazione, sono andata in un posto che adoro per la sua semplicità, varietà di scelta e ambiente, si chiama “Ricreazione” a Torino, qualcuno lo conosce? il mondo di shioren Qualsiasi cosa esposta nella vetrina è di produzione propria e, per ogni dolcetto sono indicati tutti gli ingredienti, cosa che trovo molto giusta e utile per chi ha problemi di intolleranze, poi uscita da lì, sono andata nel negozio di belle arti di fronte e anche lì… “aiuto”! Ma non finisce qui! Mi sono ricordata che da quelle parti c’era una fumetteria, ma era ancora chiusa, così sono passata da Tiger che era a due passi e così, alla fine della mattinata, sono tornata a casa con 2 unicorni, un set di colori, un libro di Murakami che desideravo da tanto e un manga. xD il mondo di shioren
Non sono orgogliosa di me per quello che ho fatto, perché comunque risparmio di continuo perché voglio realizzare un viaggio importante e ci vogliono soldi, per cui quando ho realizzato che avevo “buttato” così dei risparmi preziosi, mi sono subito sentita stupida e in colpa, ma poi quando ho guardato nel sacchettino quello che avevo acquistato e la moltitudine di colori che componevano il mio bottino, mi si è illuminato il viso appagando la mia anima.
E’ giusto fare sacrifici, è giusto non sprecare il denaro per cose futili, ma a volte abbiamo bisogno anche di questo per farci star meglio.
Voi cosa ne pensate?

Buon sabato a tutti!

Shio ❤

Ci siamo quasi!!

Mi sembra ieri che ho iniziato a scrivere questo libro e invece sono passati diversi mesi, ho iniziato a lavorarci verso fine settembre e a oggi sono al penultimo capito, con molta probabilità, scriverò la parola fine entro fine maggio, si perché purtroppo non sono molto veloce e il tempo per scrivere devo sempre ritagliarmelo tra le mille cose che quotidianamente mi cadono addosso.
Che dire? Mi sento emozionata!
Ho passato quasi un anno con questi personaggi che ora, doverli salutare quasi mi spiace. Lo so che sono di parte, ma mi mancheranno tutti e spero che, quando li leggerete, piaceranno anche a voi.
Appena avrò finito la stesura, potrò avere una data certa sulla pubblicazione anche sé io vorrei farlo uscire in un determinato giorno, ma non so se ce la farò coi tempi…vedremo!
Lo so che non vi ho detto granché di questo libro

Melly fatta da Lucy

Disegno della protagonista, Melanie, fatto dalla mia cara amica Lucia che adoro. Grazie di cuore. ❤

e probabilmente a molti di voi questo articolo suonerà anomalo e vuoto, ma mi sentivo di scrivere i miei sentimenti ora che sto per congedarmi da loro e, soprattutto, farvi sapere quanto questa avventura mi ha dato.
Io non sono una vera scrittrice, quelli sono altri.
Io sono una persona semplice come tante, ho un lavoro umile, mal retribuito, ma che mi permette comunque di guadagnare qualcosa, una salute cagionevole per via dei troppi problemi/responsabilità che, egoisticamente, mi sono stati affidati da terzi e non solo, ho i miei problemi di cui ho già parlato qui e che non voglio ripetere perché diciamocelo, non voglio suscitare pena a nessuno, la mia è sempre stata pura e semplice onestà verso di voi. Verso coloro che decidono di spendere alcuni minuti per leggere quello che scrivo, che decidono di darmi voce e credito. Io non ho pregi, posso ripagarvi solo con la mia onestà e questo e quanto, ma scusate, come sempre mi divago… ahahahha >////<
Dentro questi personaggi c’è molto di me, esattamente come quando decidevo di narrare le storie attraverso i miei disegni, ora che lo faccio con le parole, la sostanza non è affatto cambiata. Ci sono cuore, paure, passione, tormenti…ogni personaggio nato da me ha acquisito, con la nascita, un frammento della mia anima che spero possa raggiungere il lettore facendolo in qualche modo immedesimare con le scelte e le azioni di cui si renderanno protagonisti.
Forse sto mettendo le mani avanti a dire queste cose prima di mettere ufficialmente la parola fine a questa storia, ma sentivo dentro il cuore, il desiderio di parlarvene.
Voi siete tra i miei migliori sostenitori che, a scatola chiusa, mi infondete coraggio e amore attraverso le vostre parole e io non smetterò mai di ringraziarvi.
Se questo libro vedrà la luce, sarà anche merito vostro.

Vi voglio bene.

Shio ❤

My Capricorn Friend!

Quando vidi per la prima volta la copertina di questo manga auto conclusivo, l’associazione d’immagine mi aveva subito portato a pensare a una storia che strizzava l’occhio ai “boys love” e invece devo dire che non c’entrano proprio nulla! xD

testo

“My Capricorn Friend!” è la storia di come l’esasperazione possa portarti a commettere gesti di cui poi ci si potrebbe pentire, di come nasce un’amicizia e di come il dolore può trasformarsi in qualcosa di molto pericoloso, il tutto condito con una punta di “fantastico/paranormale” che, sinceramente, non guasta affatto.
Cosa fareste se sul vostro balcone, a causa di un misterioso incrocio di correnti vi arrivasse di tutto? Un vento così forte se sembra provenire da un altro mondo, fa atterrare davanti alla vostra finestra oggetti smarriti o stravaganti, animali e giornali provenienti dal futuro?

Continua a leggere

La nascita di un disegno

Ciao a tutti, oggi sono finalmente al pc dopo tanto tempo e ne approfitto subito per scrivere questo post inerente al disegno pasquale postato per farvi gli auguri alcuni giorni fa. Spesso mi è stato chiesto come faccio a creare, che strumenti uso o cose simili. Ebbene, stavolta ho scattato alcune foto mentre coloravo il disegno così che possiate vedere con me come si è creato il disegno finale che molti di voi avete apprezzato. Che sia chiaro, io non mi ritengo un’artista ne, tanto meno, così brava da poter fare “scuola”, la mia è solo un tentativo di far notare come io uso i materiali a mia disposizione e sperare che possa essere di aiuto a chi vuole provare una colorazione a mano, si perché io, a differenza del resto del mondo che si è evoluto, continuo a disegnare e colorare quasi completamente ed esclusivamente a mano.
Continua a leggere