Takehiko Inoue

E riprendiamo anche con le biografie sui mangaka che sono riusciti a regalarmi emozioni attraverso il loro lavoro. Oggi vi parlo di Takehiko Inoue, quanti di voi lo conoscono? Forse il suo nome non vi dice molto, ma sappiate che è uno degli artisti più apprezzati e bravi del panorama nipponico anche se parecchio lento come pubblicazioni (sigh), ma andiamo con ordine…
Takehiko Inoue nasce a Ōkuchi nella prefettura di Kagoshima il 12 gennaio del 1967 e fin da subito le sue opere sono indirizzate a un pubblico prettamente maschile, ma il suo talento e il suo successo sono così grandi da riscontrare pareri positivi da ambedue i sessi. il mondo di shioren
Come spesso accade, inizia la sua carriera di mangaka facendo l’assistente e lui era uno dei collaboratori di un altro grande mostro sacro dei manga: Tsukasa Hojo di cui vi ho già parlato e che potrete leggere la sua biografia qui. Nello stesso anni, il giovane Takehiko che all’epoca ha solo 21 anni, partecipa al concorso dedicato a Osamu Tezuka dal titolo “Tezukashyoh”, dove trionfa alla grande con un manga il cui protagonista diventerà poi una conoscenza ufficiale di noi lettori perché verrà inserito nel manga che l’ha consacrato nel mondo: “Slam Dunk”.
Continua a leggere

Brothers #8

Ciao a tutti, dopo la lunga pausa delle festività che si è protratta per problemi personali di cui vi ho parlato in passato, eccomi di nuovo con il seguito di Brothers, mi rendo conto che non è facile seguire il filo di una cosa che viene pubblicata in modo così sregolato, ma vi prego di portare pazienza.
Spero che il nuovo capitolo vi piaccia.

Buona lettura ❤

 

ATTENZIONE: A CAUSA DELLE TEMATICHE AFFRONTATE NEL  MANGA, SI CONSIGLIA LA LETTURA SOLO AD UN PUBBLICO ADULTO!

Dove eravamo rimasti:
Mat passa la notte da Sara. I due, dopo alcune incertezze da parte del ragazzo, passano una notte d’amore, ma al risveglio, Mat scopre una tragica realtà che lo porterà infondo al baratro della disperazione.
Proprio mentre vaga in stato confusionale per la città, incontra Jessie che, preoccupato per il giovane, chiama anche Rei e Moemi scoprendo così che il ragazzo era scappato di casa e lo stavano cercando.
I tre provano ad avvicinarlo, ma Mat appare sotto un profondo stato di shock, infatti non riesce a liberarsi dell’immagine di Sara che vede ovunque.
Ed ora la storia continua….

il mondo di shioren

Continua a leggere

Trovato!/Found!

Ci sono momenti come ora, in cui il silenzio mi avvolge,
la Luna mi scruta con suo sorriso felino e io mi chiedo quando tutto questo è incominciato…
Da quando ogni istante della mia vita è in funzione di te?
Da quando ogni mio pensiero, respiro, attimo è rivolto alla tua figura, al tuo ricordo?
Sentire il petto colmo di amore intenso che sembra voler esplodere, mentre le lacrime mi salgono agli occhi mosse dalla tua bellezza…
Cosa me ne faccio di tutto questo amore?
Come posso far in modo che arrivi a te?
Questo pensiero mi accompagna in ogni istante e,
ogni volta,
vengo rapita dalle idee più improbabili…
Mi rinchiudo in un mondo immaginario dove io e te viviamo nella stessa città
Dove incontrarti è facile come respirare poi, però, mi accorgo che non è poi così…
perché al tuo pensiero,
il mio cuore perde un colpo…
Alla tua vista,
mio respiro mi si blocca nei polmoni…
E comprendo che non esiste cosa facile a questo mondo come nell’altro…
Ma finché tu sei lì fuori…
Finché so che sarai lì oltre questo muro fatto di sogni e speranze, io continuerò a desiderare di poterti abbracciare un giorno…
di poter appoggiare il viso su quel petto ampio,
Respirare il profumo della tua pelle attraverso i vestiti,
Sentire il battito del tuo cuore e accorgermi che è identico al mio…
Poter accarezzare il tuo viso perfetto dai tratti dolci e sensuali…
E sussurrarti: “Ti ho trovato”.

[Original Shio]

ghirigori

There are moments like now, when the silence envelops me, the Moon searches me with her feline smile and I wonder when all this has begun …
Since when every moment of my life is in function of you?
Since when all my thoughts, breath, moment is turned to your figure, to your memory?
Feel the chest full of intense love that seems to want to explode, while the tears rise to the eyes shaken by your beauty …
What do I do with all this love?
How can I make it happen to you?
This thought accompanies me in every moment and every time I think I am kidnapped by the most unlikely ideas …
Come up with unprofitable plans …
I lock myself in an imaginary world where you and I live in the same city
Where to meet you is as easy as breathing then, however, I find that it is not so …
because at your thought my heart loses a blow …
At your sight, my breath hangs in my lungs …
And I understand that there is no easy thing in this world as in the other …
But as long as you’re out there …
As long as I know you will be there beyond this wall of dreams and hopes, I will continue to hope to embrace you one day …
to be able to rest my face on that broad chest,
Breathe the scent of your skin through your clothes,
Feel the beating of your heart and realize that it is identical to my …
Being able to caress your perfect face with sweet and sensual features …
And whisper: “I found you”.

[original Shio]

Fan art…Live

Qualche giorno fa mi sono cimentata in una fan art riprendendomi mentre la facevo, volevo fare una cosa carina per il gruppo fb di cui faccio parte e che straripa di fan della serie Bull, così ho creato uno schizzo direttamente in penna del personaggio di Jason Bull e l’ho condiviso con tutte/i loro riscontrando un successo inaspettato. Mi sono emozionata, perché mi rendo conto che il disegno è strapieno di errori e poi disegnare e riprendersi al tempo stesso non è affatto facile, ma quando ho visto i loro commenti e il loro entusiasmo, mi sono convinta che ho fatto la cosa giusta a condividerlo con loro e ora, vorrei mostrarlo anche a tutti voi, se vi fa piacere, ovviamente.

 

Buon proseguimento di giornata ❤

Shio ❤

Civiltà Regresso

Forse, anzi, di sicuro sono io quella strana, ma proprio questa cosa mi da in testa! Posso capire, ma non giustificare, quelli che scrivono messaggi col cellulare mentre camminano e non guardano dove vanno. Per carità, lo faccio anch’io, ma presto comunque attenzione alla strada e a ciò che mi circonda, ma quelli che usano il proprio corpo come un ariete travolgendo tutto e tutti??? E non parlo dei giovani, quindi sfatiamo questa leggenda secondo cui i giovani sono tutti maleducati, perché non è vero! Ci sono anche loro, ma ce ne sono tanti che potrebbero insegnare le buone maniere a chiunque, no, io parlo dalla mezz’età in su…questi sono dei veri kamikaze!! Non guardano, non gli frega nulla se sei zoppo, con una stampella o senza una gamba, se loro devono passare…passano! Ti travolgono, ti spostano letteralmente di peso e non chiedono scusa oppure fluttuano davanti a te con non curanza perché quella è la loro strada e sei tu che ti devi spostare o adattare. Trovo tutto questo assurdo se si pensa che in teoria siamo in una società civile eppure è sempre peggio. L’educazione è ridotta al minimo, la gente è sempre nervosa, schiva e di corsa. Grugnisce anche se ti scusi e s’incacchia se non lo fai… io probabilmente sono di un altro pianeta, devo essere un’aliena precipitata chissà quando sulla Terra, perché altrimenti non mi spiego questo mio modo di essere e rapportarmi con gli altri. Se mi accorgo che sono tra i piedi, mi sposto ancor prima che mi venga chiesto il permesso o che, magicamente, mi trovo dalla parte opposta della strada per una spallata. Se sono sul pullman e sono davanti alla macchinetta della timbratura, mi sposto o chiedo alla persona se vuole che oblittero per lei… no, ma davvero, ci vuole così tanto a essere un pelo più umani?

Che dire? Andiamo sempre peggio, ma d’altro canto facciamo parte della stessa “civiltà” che, davanti una rissa o un pestaggio di massa, preferisce fare un video per aver visualizzazioni su youtube piuttosto che chiamare aiuto…

Se questo è il progresso, forse era meglio restare col telefono a gettoni, la penna d’oca e il treno a vapore…

Love & Peace.

Shio ❤

Il profumo del mosto selvatico

“Io credo, che ci sia una persona perfetta per tutti, che ti ami, qualsiasi cosa accada. Il cuore vuole, ciò che il cuore desidera”.

Ho scoperto, anzi, riscoperto questo film di recente e quasi per caso. In uno di quei pomeriggi in cui stranamente ti ritrovi a guardar la tv senza un valido motivo, fai zapping e vedi che sta iniziando qualcosa “dei tuoi tempi” e decidi, per curiosità, di vedere di cosa si tratta. Di questo film di Alfonso Arau ricordavo solo il titolo e il fatto che il protagonista fosse Keanu Reeves per il resto…il nulla! Ebbene, era tanto che non guardavo più un film con tanto interesse, mi ha letteralmente conquistata per la sua semplicità e la magnifica interpretazione di Giancarlo Giannini.

Il mondo di shioren

Continua a leggere