Un giorno al Cartoomics

testo Ero indecisa se scrivere questo “articolo” (chiamiamolo così), perché come successe per Lucca, anche qui la mia “acidità” sprizza da tutti i pori, anche se in modo molto meno polemico. Sabato sono stata al Cartoomics a Rho Fiere, dove solo per arrivarci in macchina è stato un incubo! Si sapeva che ci avrei messo almeno un paio d’ore visto dove abito io, ma che ci sia un’uscita autostradale che coincide col nulla e ti fa fare 3000 giri per poi farti tornare sempre sulla stessa rotatoria con blocchi e deviazioni…è davvero snervante.

Dopo essere usciti dal circolo vizioso delle strade che portano per tutto tranne che a destinazione, insorge un nuovo problema: dove metto la macchina?

Questa domanda gli organizzatori della fiera la conoscono molto bene e la sfruttano in modo abnorme, si perché anziché fare un ingresso standard forfait o uno sconto a chi mostra il biglietto della fiera (visto che ormai i biglietti fiera sono da anni provvisti di codici a barre), loro no, preferiscono spellarti vivo togliendoti anche le mutande, si perché a Rho fiere il parcheggio costa 12€ per 4 ore, cosa che fa ridere visto che in 4 ore la fiera non la girerai mai, oppure 16,50€ per tutto il giorno! Si, avete capito bene! Però, cavolo, se vai sul sito ti danno la possibilità di avere uno sconto di 2€ sull’ingresso…. certo, me ne togli 2 se riesco a stampare codice e cose varie e poi me ne chiedi 16,50 di parcheggio… wow! Grande! Complimenti!! Voi potrete dire: “problema tuo, potevi anche andarci in treno”. Vero, avete ragione, ma non sempre il treno è un opzione che tutti possono adottare, ci sono persone che il treno non possono prenderlo per diversi problemi più o meno personali e che comunque non sto a dire in questa sede.

La cosa positiva: la coda inesistente alle casse. Questa cosa mi ha davvero scioccata! Ricordo che negli anni passati la coda alle casse era massacrante, questa volta tutto tranquillo anzi, l’atrio dell’ingresso per chi arrivava in macchina era praticamente deserto.

All’interno, nulla da dire: fiera come sempre molto caotica, piena di tanti stand per tutti i gusti, molto molto bellina nel suo insieme…un pò dispersiva forse a causa della distribuzione degli stand, ma per il resto nulla di cui lamentarsi. C’erano anche diverse aree a tema: quella della Lego (molto molto bella), quella dedicata a Star Wars (quella non può certo mancare), Il palco del wrestling, le autoproduzioni, l’area dedicata a Mazinga Z, quella dei Ghostbuster e poi loro…quella dedicata all’Umbrella corporation…

Umbrella…Corporation… ne vogliamo parlare?

No perché sono partiti con un gabbiotto e 4 zombie ed adesso hanno: elicotteri, gabbie, pullman, laboratorio… e poi tanti, tanti, troppi zombie che, detto sinceramente, sono così belli da fare schifo! A me quelli di Umbrella fanno senso. A parte che la musica è così forte da essere assordante, la scena con gli spari a salve, il baccano, gli zombie… trovo tutto ciò molto suggestivo ma al tempo stesso molto, come dire? Fastidioso? Senza contare che alle fiere ci sono anche stuoli di bambini con genitori che, trovandosi davanti a spettacoli del genere possono anche spaventarsi, ma non è quello il punto, il punto è che io che ho giocato quasi a tutti i Resident Evil (Bio Hazzard) trovo tutto ciò davvero molto eccessivo, col risultato che mi stanno letteralmente facendo odiare l’universo creato da Capcom. Questa ovviamente è solo la mia opinione personale, non dico che loro sbaglino o che non devono essere seguiti, ma a me personalmente non fa piacere girarmi e vedermi uno zombie con occhi da pesce cotto e con la faccia che cade a brandelli mugugnare e cercare di prendermi mentre passo davanti ai loro stand, forse sono ormai troppo grande per queste cose, ma non mi fanno impazzire, anzi mi spaventano xD

Nell’insieme è stata la solita fiera, bella perché se ami queste cose non puoi non considerarla tale, di roba ce n’era, di intrattenimento anche, quindi rimane una delle fiere più interessanti del territorio italiano, ma premetto che io non le ho girate tutte, mi mancano quelle del sud Italia, come il Comicon o l’Etna comics ad esempio, ma è una delle migliori viste in Italia dopo quella di Roma. Vi starete chiedendo: “e Lucca?”. Beh, Lucca per me non è una fiera, ma una cozzaglia di gente che sta li per piacere, per moda e per farsi notare, immersa in un luogo bellissimo ma che comunque non ti da la minima sicurezza.

Scusate l’acidità, ma Lucca potrebbe essere molto meglio se vogliono….

Vabbé direi che ho già detto troppo… volevo aggiungere delle foto, ma il mio cellulare fa le bizze, quindi vi metto solo la locandina della manifestazione.

Alla prossima ❤

Shio ❤

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...