LITTLE SECRET -cap. 4-

Dove eravamo rimasti: Karl percepisce che la figlia Sara si trova in pericolo e si precipita alla scuola per salvarla. Arrivati a casa, l’uomo perde i sensi per l’affaticamento, ma viene soccorso dalla giovane che preoccupata si prende cura di lui. Dopo aver scambiato alcune parole di circostanza, il padre si ritira nella sua stanza, ma in realtà è uscito nuovamente per andare ad affrontare Craulad ed intimargli di lasciare in pace la figlia, ma il professore non si va trovare impreparato, ferisce gravemente il suo avversario e lo metta davanti ad una scelta pericolosa. Riuscirà Karl a resistere alla tentazione del sangue di una giovane vittima? Scopritelo continuando a leggere ^______^
(ps: il capitolo è più lungo del solito, spero non vi dispiaccia 😉 )

Karl stringeva tra le braccia la sua prima preda umana. Era eccitato al punto tale che l’intero corpo era pervaso da fremiti di piacere. Avvicinò le labbra alla ferita che Craulad aveva fatto al braccio del piccino e la leccò. Il piccino smise di dimenarsi e lo fissò negli occhi. Nonostante l’uomo fosse coperto di sangue ed avesse i lineamenti contratti in una smorfia di dolore ed eccitazione, il bambino non sembrava averne paura. Allungò la piccola manina verso il viso dell’uomo che lo sorreggeva tra le sue braccia.

“Non si gioca col cibo, Karl” lo riprese l’altro, “muoviti a mangiarlo. Se vuoi sopravvivere hai bisogno di lui, se un giorno vuoi affrontarmi ad armi pari, devi diventare come me”.

Karl esitò davanti al sorriso innocente del piccolo. Stava ancora lottando. Non poteva, non voleva diventare un mostro, lui non doveva, ma la sua bocca si avvicinava pian piano al collo del piccolo senza che lui potesse fare nulla per evitarlo. Era come se guardasse il suo corpo dall’esterno e non potesse prenderne il controllo. Stava per uccidere un essere innocente.

“Avanti! Fallo per la tua bambina! Fallo per Sara!” l’incitò Craulad al culmine della eccitazione. Non solo voleva ucciderlo nel fisico, ma anche nello spirito. Karl era un vampiro che aveva  mantenuto  la sua natura umana e per questo era un soggetto pericoloso e difettoso ai suoi occhi, e poi doveva vendicarsi, si, karl gli aveva portato via il bene più prezioso, la sua sposa ed ora lui avrebbe fatto lo stesso con la sua Sara.

Nel sentire il nome di sua figlia, un barlume di lucidità pervase l’uomo facendolo trasalire proprio un istante prima che i canini recidessero la morbida gola del piccolo. Ansimante scostò il viso da quello del bambino. “Io non sarò  mai come te!” mormorò fissando Craulad.

Strinse al petto il piccolo spiccando un balzo oltre la rete di protezione, giù verso il terreno della scuola. Strinse i denti per il dolore al petto, il bambino aveva ripreso a piangere disperato, chiuse gli occhi per concentrarsi e si smaterializzò pochi istanti prima che toccassero terra.

“Non mi aspettavo nulla di più da una stupido come te, Karl” mormorò il professore leccandosi le dita ancora sporche del sangue del suo avversario, “questo tuo modo di fare, ti ucciderà” concluse avviandosi verso le scale interne della scuola.

Era notte fonda quando Karl rimise piede in casa, il corpo devastato dal carico psicologico e fisico a cui Craulad lo aveva sottoposto, gli pesava come se fosse fatto di piombo. Aveva girato per ore col piccolo tra le braccia alla ricerca di cibo. Craulad aveva ragione, gli animali di cui di solito si nutriva non erano riusciti a fargli rimarginare le ferite, ma almeno avevano attenuato la sua sete e con essa anche la perdita di sangue.

Il bambino l’aveva poi abbandonato davanti ad una stazione di polizia, non prima di avergli medicato la ferita al braccio, ma non avrebbe mai scordato il piacere, il profumo ed il gusto del sangue umano, ora come ora, lo bramava molto più di prima. Le luci della casa erano spente, segno che Sara probabilmente stava dormendo. Questo pensiero lo rincuorò, non avrebbe saputo come spiegarle la causa delle sue ferite e poi non era sicuro di riuscire a trattenersi dall’aggredirla.  Con passo malfermo salì fino alla sua camera, sentiva il dolce profumo del sangue caldo provenire dalla stanza accanto, deglutì stridendo i denti, sapeva che non sarebbe stato facile come un tempo condividere lo stesso tetto con sua figlia, ma non poteva abbandonarla. Ormai aveva solo lui al mondo. Chiuse gli occhi e respirò a piene boccate, era meglio andarsi a coricare nel letto in attesa che la sua ferita al petto si rimarginasse del tutto.

“Papà?”. Sgranò gli occhi, la voce proveniva dalle sue spalle, Sara l’aveva aspettato ancora sveglia, l’unica cosa che non avrebbe dovuto fare, non quella sera. Strinse forte i pugni digrignando i denti: “si, figliola?” chiese senza neanche voltarsi in direzione della ragazza.

La giovane esitò un istante, anche se non poteva vederne il volto, percepiva la sua sofferenza. “Tutto bene?” chiese avanzando di un passo, “dove sei stato?” concluse allungando la mano verso le spalle ricurve dell’uomo che si scansò istintivamente.

“Non avvicinarti!” mormorò con voce rauca, “avevo delle cose da fare, ora è tardi, vai a letto”.

“Ma…” provò a ribattere quando notò delle piccole macchie di sangue ai piedi dell’uomo, “Papà, stai sanguinando!” accorse, ma l’uomo la spinse via con una forza disumana scaraventandola contro la parete. Lei urlò spaventata. Lo sguardo incredulo, fisso sull’uomo che l’aveva cresciuta.

“Scusami, non volevo” mormorò sofferente, “ora lasciamo da solo, ti prego” concluse entrando nella stanza e chiudendosi la porta alle spalle. Sara rimase in silenzio, le gambe le tremavano dallo spavento, non era ferita, ma era la prima volta che suo padre la picchiava e ne ebbe timore. Che quel gesto avventato avesse fatto più male a lui che a lei, era evidente agli occhi della ragazza. Si morse il labbro, l’istinto le urlava di avventarsi sulla porta della stanza, buttarla giù a pugni se era il caso e chiedere spiegazione, ma una vocina nella sua testa, le consigliava di lasciar perdere. Suo padre aveva qualcosa che non andava, non aveva dubbi e non aveva il pieno controllo di se stesso. Appoggiò entrambe le mani alla porta, poi vi aggiunse il capo: “papà? Papà mi senti, vero?” chiese, ma non ebbe risposta. “So che mi stai sentendo e so che in questo momento ti senti in colpa per come hai reagito un attimo fa, ma io non sono arrabbiata, non preoccuparti. Noi due ci conosciamo troppo bene papà, siamo sempre stati insieme e, da quando la mamma è morta, non mi hai mai lasciata sola un attimo, non mi hai mai fatto mancare nulla, mi hai protetta ed amata con tutto te stesso, ma ora c’è qualcosa di diverso in te. Sei cambiato. E questo cambiamento mi spaventa, però al contempo mi preoccupa” fece una pausa ed alcune lacrime iniziarono a rigarle il viso, “papà io ti voglio bene! Quindi ti prego, se c’è qualcosa che posso fare per aiutarti, dimmelo!” alzò leggermente la voce, “ti prego… non lasciarmi indietro… Non aver paura, qualsiasi cosa sia, io ti starò vicino e ti sosterrò, ma tu devi fidarti” si lasciò scivolare sulla superficie della porta. “Devi fidarti” concluse con un sussurro tra i singhiozzi, ma dall’altro lato della porta non ci fu nessuna risposta.

Nella stanza Karl si era accasciato in terra tra il letto e l’armadio. La testa tra le mani tremanti. Aveva ascoltato ogni singola parola ed una parte di lui sarebbe voluta correre dalla sua adorata figliola per abbracciarla e rassicurarla, ma dentro di se il “mostro” era agitato ed assetato. Il dolore al petto era intenso, la sensazione della mano di Craulad intenta a scavargli le carni alla ricerca del cuore, era ancora ben impressa nella mente. “Sara” mormorò stringendo i denti, ma lei non poteva più sentirlo. Chinò il capo fino a posizionarlo tra le ginocchia, quel capo scuro come la notte, ma che quando la creatura che viveva in lui si destava, diventava argentato come i riflessi della Luna. Ripensò alla notte in cui quell’orrore ebbe inizio ed un brivido lo percorse. La tragedia poteva ripetersi, finché Craulad era in vita, l’orrore di quella notte era sempre in agguato.

Al mattino, un sole stranamente caldo fece capolino tra le fessure delle persiane illuminando il viso della giovane che si destò di scatto. Si guardò intorno con espressione confusa, come quando ci si sveglia da un sonno particolarmente profondo e non si capisce se è mattino o pomeriggio, con una mano si sistemò una ciocca di capelli dietro l’orecchio, si stiracchiò e scese dal letto. Quei movimenti così meccanici e naturali non le fecero notare subito una cosa importante, ma aveva la netta sensazione che le sfuggisse qualcosa. Prese la biancheria pulita da un cassetto del mobile posizionato sotto la specchiera e ne approfittò per dare un’occhiata veloce al suo riflesso nello specchio. Nulla di anormale, viso pallido, occhi gonfi ed arrossati dal sonno e dalle lacrime…Lacrime? Pensò. Si guardò intorno accigliata, era sicurissima di essersi addormentata davanti alla porta della stanza di suo padre dopo averlo implorato, come mai era nella sua stanza? Uscì di corsa dalla camera diretta a quella del padre, bussò tre volte: “papà sei sveglio?” chiese, provò a girare la maniglia della porta e questa volta si aprì con uno scatto deciso. “Papà?” chiamò mettendo dentro solo la testa, “sto entrando, sei sveglio?” continuò aprendo completamente la porta ed entrando nella stanza. Il letto era intatto, la finestra ben chiuso e le tapparelle abbassate, fece alcuni passi, accese l’interruttore della luce e lo sguardo si soffermò su alcune piccole macchie di sangue secco che sporcavano il pavimento ai suoi piedi. “Papà?” chiamò guardandosi intorno. Era evidente che l’uomo non c’era e che non aveva neanche usato la stanza. Un ansia senza pari l’assalì. Non era raro che il padre uscisse di casa nel cuore della notte, ma tornava sempre prima del suo risveglio e poi quella sera era successo qualcosa, l’intera giornata di ieri aveva portato con se diversi avvenimenti inspiegabili, fatti che richiedevano risposte, ma ora quello che le premeva di più era vedere suo padre, assicurarsi che stesse bene. Uscì di corsa dalla stanza diretta al piano terra. “Papà!” chiamò a gran voce, ma anche in salotto non c’era presenza dell’uomo. Il divano con la stoffa ben tesa, il televisore spento, la penombra delle persiane che facevano trapelare pochissimi raggi solari. Le gambe iniziarono a tremarle. Suo padre non c’era! Non era da nessuna parte! No, non era possibile! Lui non l’avrebbe mai abbandonata! Mai! Corse verso il bagno e aprì la porta senza neanche bussare: “papà?” chiamo.

“Papà!”

“Papà!”

“Papà!!”

Correva da una parte all’altra della casa chiamando in continuazione, una voce dentro di lei continuava a ripeterle che era inutile, ma lei non riusciva a fermarsi. Lui doveva essere da qualche parte! Non poteva accettare l’idea che l’avesse abbandonata, non poteva!

“Sara?” si sentì chiamare. Si voltò. Il viso rigato dalle lacrime. E si ritrovò faccia a faccia con suo padre che la guardava preoccupato. “cosa ti è successo? Perché piangi?” chiese avvicinandosi. L’ingenuità con cui l’uomo le stava parlando, le fece montare su una rabbia incontrollabile: “E me lo chiedi?” sbraitò. “Ieri sei sparito dopo essere svenuto, ritorni a notte fonda ricoperto di sangue, ti rifiuti di parlarmi, ti chiudi in camera e stamattina al mio risveglio sembravi sparito nel nulla” si scagliò contro il petto del padre a pugni chiusi, “tu non mi dici mai niente!” l’accusò, “io sono preoccupata non lo capisci? Tu hai qualcosa che non va, io lo so! Lo sento!” continuò piangendo disperata. “Si può sapere dov’eri finito?” chiese stringendosi a lui.

“A comprare il latte, non mi ero accorto che era finito” mormorò lui con un leggero imbarazzo. Lei sollevò il capo per guardarlo negli occhi: “latte?” mormorò confusa.

“Si” sorrise lui mostrandole la bottiglia da litro. “Dato che ieri sono stato scontroso con te, volevo farmi perdonare preparandoti la colazione come quando eri piccola, ma era finito il latte e così…” cercò di spiegare l’uomo sotto lo sguardo severo della figlia che continuava ad osservarlo col viso rigato di lacrime. Non capiva se era lei ad aver esagerato, se aveva un padre davvero svampito o se forse, tutta quella storia di ieri fosse stato tutto un lungo sogno. “Su, su…” riprese l’uomo scostandola con dolcezza, “vai a lavarti quel viso e poi torna giù a far colazione” concluse avviandosi verso la cucina. Lei obbedì, si sentiva intorpidita. Salì lentamente le scale, prese la biancheria che aveva lasciato precedentemente sul letto e si avviò in bagno per rinfrescarsi.

Il profumo di uova al bacon, pane tostato e caffè aveva impregnato l’aria donando alla giovane una sensazione piacevole, ma al contempo nostalgica. Mangiò tutto in silenzio, diligentemente. Di tanto in tanto buttava un occhio all’orologio, un gesto quasi meccanico considerato che quella mattina, l’ultimo dei suoi pensieri era quello di andare a scuola.

“Come va la ferita di ieri?” chiese tenendo lo sguardo basso ed iniziando a giocare con la forchetta nel piatto. Si sentiva strana, un misto di agitazione e spossamento. L’ansia che aveva provato al suo risveglio quando non aveva visto il padre nel suo letto, l’aveva scossa fin nel profondo.

“Non era nulla di grave, non preoccuparti” sorrise lui.

“Eppure in camera tua c’è ancora del sangue” ribatté lei, questa volta alzando lo sguardo per carpire ogni minima reazione da parte dell’uomo che si strinse nelle spalle.

“Cercherò di ripulire appena finito di far colazione” sorrise nuovamente, “comunque te lo ripeto, non era poi così grave come sembrava, ti pare che con una ferita del genere potrei andarmene in giro per casa come se nulla fosse?” soffocò una risata. Sara continuava ad osservalo, in apparenza era quello di sempre, eppure percepiva in lui una sorta di disagio che mascherava con falsi sorrisi di circostanza. Quella storia stava durando anche troppo, doveva mettere la parola fine a quella situazione logorante e, soprattutto, era arrivato il momento di sapere.

“Papà, noi dobbiamo parlare” prese a dire posando la forchetta sul bordo del piatto.

Karl esitò, il sorriso che fino ad un secondo prima illuminava il suo volto, sparì dietro ad un espressione seria e contratta, ieri sera aveva commesso uno sbaglio, sapeva che far finta di nulla non l’avrebbe portato da nessuna parte, conosceva bene sua figlia e sapeva che quando si metteva in testa una cosa, niente e nessuno riusciva a dissuaderla. Si lasciò scappare un sospiro. “Si, immagino di si” rispose.

“Ecco…” mormorò lei abbassando lo sguardo esitante. Nonostante la determinazione delle sue intenzioni, non osava guardarlo negli occhi, sapeva che se avesse incrociato lo sguardo del padre, con molta probabilità si sarebbe sentita sopraffatta dall’emozioni e dall’ansia. Fece un respiro profondo per calmare il cuore che aveva preso a battere con forza, finalmente il momento della verità era arrivato. Erano anni che attendeva questo momento ed ora che era li, non sapeva bene neanche lei come iniziare il discorso.

“Avanti, ti ascolto” incitò lui.

Percepiva distacco nelle parole del padre e la cosa non le piaceva. Molti avrebbero pensato a lei come ad una persona viziata, perché suo padre non le aveva mai negato nulla, la riempiva di attenzione ed affetto. Si, lei era la prima a dire di essere avida d’amore ed ora stava mettendo tutto in gioco per acquisire la verità. Strinse i pugni che aveva ordinatamente appoggiati sul grembo, fece un altro respiro profondo e chiuse gli occhi.

“Cosa ti è successo ieri?” chiese con voce tesa.

“Sono stato aggredito, ma ti ripeto che non era nulla di grave” si affrettò.

“Chi ti ha aggredito o dovrei dire cosa?”.

Lui esitò. Sara aveva capito era evidente. Continuare a girarci intorno non aveva ormai più senso. Strinse forte i pugni fino a farli tremare. Con che coraggio poteva raccontare a sua figlia chi fosse in realtà? Come poteva dirle che era un mostro?

“Papà?” mormorò lei notando l’improvviso cambio d’espressione del padre non appena aveva sentito la sua domanda, che fosse in difficoltà era evidente, ma se ora si fosse mostrata clemente, probabilmente il padre ne avrebbe approfittato per sviare il discorso.

“E’ stato il professor Craulad per caso?”.

Lui sgranò gli occhi. “Perché proprio lui? Ti ha fatto o detto qualcosa?”.

“No, ma ho ricordato tutto. L’altra sera sei uscito di casa a notte fonda, io ti ho seguito e sono finita in un fabbricato in costruzione e, dato che sentivo dei rumori, mi sono nascosta in un armadio a muro” fece una pausa, ma il padre non disse nulla, al contrario sembrava stesse ascoltando con molto interesse, quindi riprese a parlare. “Appena mi sono chiusa nel mobile è arrivato un uomo, aveva una voce roca e profonda, diceva che mi avrebbe uccisa, ma poi, quando la porta dell’armadio si è aperta, sei apparso tu. Dopo non ricordo nulla, forse sono svenuta, ma ieri mattina ho risentito quella voce spaventosa. Era quella dell’insegnante addetto all’infermeria, il professor Craulad”.

Aspettò qualche istante, sperando che il padre dicesse qualcosa, ma non profilò parola, rimase immobile, il volto tra le dita incrociate.

“Papà chi è il professor Craulad? Quando ti faccio il suo nome, ti agiti subito, quindi deduco che tu lo conosca, vero?”.

“E’ un uomo pericoloso, ti basta saper questo” sospirò l’uomo.

“No che non mi basta!” scattò, “io ho il diritto di sapere!”.

“Diritto? Di cosa stai parlando? Tu non hai nessun diritto, ma solo obblighi. Quelli che t’impongo io in quanto tuo padre ed il primo è quello che devi stare alla larga da Craulad!” urlò Karl tutto d’un fiato. Sara si ammutolì. Era la prima volta che suo padre la sgridava e la cosa l’aveva profondamente mortificata. Cosa stava facendo di così sbagliato? Lei era solo preoccupata eppure ora sembrava quasi che fosse passata dalla parte del torto. Non comprendeva la reazione del padre, ma capiva perfettamente la gravità della situazione che era alle spalle di tutto ciò. Si alzò dalla sedia incamminandosi verso il salotto.

“Sara, dove stai andando?” scattò Karl rincorrendola.

“A scuola, mi sembra ovvio. Anche la scuola è uno dei miei obblighi in quanto figlia, no?”. Si sentiva ferita dall’atteggiamento del padre, così profondamente toccata, da risvegliare in lei gli atteggiamenti tipici dei bambini quando mettono il broncio. Sentiva le guance calde, probabilmente erano arrossate per la troppa rabbia, avrebbe voluto prendere a calci qualcosa per calmarsi, ma si sforzò di continuare ad assumere un atteggiamento il più maturo possibile.

“Aspetta!” scattò Karl prendendola per un braccio, ma lei si svincolò.

“Cosa c’è? Ora non va bene neanche se vado a scuola? Insomma cosa vuoi che faccia? Io non sono un robot, sono un essere umano, ho delle emozioni, dei sentimenti! Cosa credi che mi abbia fatto piacere vederti ridotto in quello stato ieri sera? Stamattina quando non ti ho trovato in camera, pensavo che te n’eri andato per sempre lasciandomi sola” urlò lei aggrappandosi alle maniche della maglia del padre. “Ho avuto tanta paura, tanta che neanche te la puoi immaginare e tu che fai? Anziché darmi spiegazioni, mi ricordi i miei obblighi? Mi tratti come una bambina, ma io non sono più una bambina, papà!” concluse con le lacrime agli occhi. Lui la fissò con una sguardo stranamente dolce, Sara aveva ragione, si era comportato male, il suo desiderio di proteggerla e la paura della verità che si nasconde dietro la sua natura, l’aveva spinto ad un atteggiamento odioso, un comportamento a cui ne lui ne lei erano abituati.

“Però piangi come una bambina” sbuffò lui soffocando un sorriso, “ti cola il naso”.

“Eh?” scattò la ragazza portandosi le mani sul viso, prese un fazzoletto dalla tasca, “non è vero!” negò diventando tutta rossa e si soffiò il naso. L’uomo l’abbracciò cingendole la testa e lasciando che la ragazza potesse sistemarsi. L’abbraccio, seppur freddo al tatto del padre, riusciva a tranquillizzarla ed a scaldarle il cuore.

“Mi spiace per prima” mormorò lui, “non volevo ferirti”.

Lei scosse il capo e tirò su col naso.

“C’è una cosa che volevo dirti da tempo, papà e credo che ora sia il momento di farlo. Credimi questa cosa fa male anche a me, mi angoscia da anni, ma non posso continuare a tenermi tutto dentro, a non sapere…” tirò di nuovo su col naso, “perché vedi, anche in questo momento, tu mi stai mettendo davanti all’evidenza dei fatti” mormorò posandogli una mano sul petto.  “Nel tuo corpo non c’è battito, eppure tu sei qui con me. Ci ho pensato allungo, ma non capisco o meglio, forse sono solo così sciocca da non voler capire” sorrise timidamente, “ma ora devo sapere o non posso andare avanti, soprattutto se sei in pericolo a causa del professor Craulad.  Fidati di me, papà. Ti prego. Fidati di me una volta tanto”.

Lui chiuse gli occhi: “va bene, chiedimi quello che vuoi” sospirò affranto.

Con gesto delicato, spinse la ragazza fino al divano per farla accomodare, poi prese posto accanto a lei ed attese che la figlia iniziasse parlare. Il momento che aveva temuto per anni, era arrivato. Sara aveva ragione, doveva sapere.

“E’ difficile iniziare il discorso,  ho un po’ paura che se dico qualcosa di strano tu poi ti arrabbierai”, si schiarì la voce tenendo lo sguardo basso.

“Perché non provi a farmi delle semplici domande?” ribatté sorridendole dolcemente. Sara si schiarì nuovamente la voce,  sentiva lo sguardo dell’uomo su di se e la cosa la rendeva ancora più agitata ed insicura. Come avrebbe potuto chiedere spiegazioni senza urtare la sensibilità dell’uomo che l’aveva cresciuta con tanto amore? Ma non poteva permettersi ancora di esitare. Non più.

“Prima d’iniziare, vorrei che tu mi promettessi una cosa…”.

“Dimmi, ti ascolto”.

“Promettimi che non mi mentirai e che mi dirai la verità qualsiasi essa sia, prometti?” chiese Sara tutto d’un fiato.

“Prometto di rispondere alle tue domande con la dovuta sincerità” confermò lui.

“Chi sei tu?” chiese con voce tremante.

“Tuo padre” rispose lui secco.

Lei alzò il capo di scatto ed i loro sguardi s’incrociarono per un breve istante. Non pareva adirato, anzi… nei suoi occhi, Sara leggeva la stessa ansia che stava provando lei in quel momento.

“Scusa, ho formulato male la domanda” sorrise, “tu sei umano?” chiese infine e dentro al petto sentì sciogliersi qualcosa. Finalmente quella domanda che aveva tenuto per se per tanti anni, era uscita dalla sua bocca con una naturalezza disarmante.

“No”.

La secca risposta  la fece sobbalzare, lo guardò negli occhi, quello sguardo che un secondo prima sembrava logorato dall’ansia, ora non faceva trapelare la minima emozione, ma le trasmetteva un’insolita freddezza. Sapeva che stava facendo una cosa orribile, quello strano dialogo avrebbe probabilmente ferito entrambi, ma sentiva che non poteva più vivere con quel peso. Strinse con più forza i pugni. “Però sei anche mio padre, giusto?”.

“Si”. Di nuovo una risposta secca che faceva trasparire tutta la tensione dell’uomo.

“Vuoi che smetta con le domande?” chiese Sara impietosita.

“No, se non è quello che vuoi. Ho promesso di rispondere sinceramente a tutte le tue domande, quindi non preoccuparti per me, continuiamo pure” rispose l’uomo forzando un sorriso.

Sara distolse lo sguardo, se non lo fissava, le veniva più facile parlare liberamente. “Io ho un dubbio. Un ricordo confuso di quando ero bambina”.

“Che ricordo?”.

“Una sera, quando era appena morta la mamma, ti ho sentito uscire di casa in piena notte e ti ho seguito, poi ad un certo punto ti ho perso di vista, stavo per tornarmene a casa, quando ho sentito dei rumori provenire dal parco recintato che c’è dietro il negozio di liquori, così incuriosita mi sono avvicinata alla cancellata ed ho visto un uomo che stava mangiando un altro uomo e…” deglutì guardandolo con la coda dell’occhio. “L’uomo che si stava macchiando di quello scempio, sembravi proprio tu, papà” sospirò ritornando a fissare il pavimento ai suoi piedi.

Karl rimase in silenzio, lo sguardo calmo, sembrava stesse provando ad immaginarsi la scena o forse a ricordarla. Non c’era disgusto nel suo sguardo, nonostante il racconto della ragazza. “Quindi tu hai pensato che fossi io?” chiese.

“Si” sussurrò abbassando il capo con imbarazzo, solo ora realizzava di quanto orribile fosse stato il suo pensiero in quel momento, ma  si chiese se suo padre non fosse rimasto ferito da questa sua confessione.

“Di che colore erano i capelli di quell’uomo? Te lo ricordi?” chiese il padre impassibile.

Lei ci pensò su, “ovviamente scuri come i tuoi, te l’ho detto che sembravi tu!”.

“Non ero io” rispose il padre con un certo sollievo. Lui non uccideva umani e poi i suoi capelli cambiavano colore quando la sua forma vampiresca prendeva il sopravvento, ma ovviamente queste cose Sara non poteva saperle.

“Scusami se ho pensato una cosa così orribile di te” sorrise visibilmente sollevata, il fatto che l’uomo che avesse visto quella volta non era suo padre la rincuorava, anche se ancora non era chiaro come mai nel suo petto non c’era battito, ma ora una parte di lei voleva godersi questo momento di sollievo. “Sai? Sembrava di vedere un vampiro che consuma il pasto” mormorò Sara, “ma tu non sei un vampiro, giusto?” concluse sempre più rilassata.

“E se lo fossi?” rispose Karl sposandosi in avanti col busto ed appoggiando i gomiti sulle ginocchia.

Sara non rispose, le labbra presero a tremare, si rendeva conto di aprire la bocca, ma non riusciva ad emettere alcun suono, era immobile a fissare la figura ricurva del padre che non osava guardarla in faccia, ma che continuava a fissare un punto imprecisato del pavimento.

“Tu, sei un….” mormorò lei con voce strozzata.

“Mi dispiace, Sara” rispose Karl nascondendo il viso dietro i pugni serrati. “Credimi, mi dispiace davvero tanto, bambina mia…” continuò a denti stretti.

A sentir quelle parole, Sara si sciolse in un pianto incontrollabile, anche se non voleva, le lacrime continuavano a rigarle il viso senza che potesse far nulla per fermarle. Era cosciente che quelle lacrime avrebbero ferito il padre più di ogni altra cosa al mondo, ma non riusciva a trattenersi, perché proprio lui? E com’era successo? E lei? Anche lei era un vampiro? Troppe domande si stavano sovrapponendo nella testa in attesa di risposta, ma ora non aveva più la forza di dar voce ai suoi pensieri, l’unica cosa che voleva realmente fare, era abbracciare suo padre e fargli capire che nonostante tutto, lei lo amava ancora tanto.

“Papà…” sussurrò tra le lacrime.

“Hai paura di me ora, vero?” chiese lui tenendo il viso nascosto nelle mani.

Lei fece no col capo, “come potrei aver paura di te?” chiese abbracciandolo.

“Io sono pericoloso” mormorò, “ieri sera, avrei potuto ucciderti! A causa della ferita che avevo al petto, la mia fame era incontrollabile, riuscivo a sentire le pulsazioni del tuo cuore attraverso i  muri, volevo affondare i miei canini nel tuo collo e…” si bloccò, aveva perso il controllo. Sgranò gli occhi incredulo per quello che aveva detto. Come poteva aver pronunciato simili parole? Era un mostro, se ora Sara fosse scappata via spaventata, non avrebbe potuto darle torto. Con la coda dell’occhio scrutò il volto della figlia che gli era seduta accanto. Aveva smesso di piangere, gli occhi, la punta del naso e le guance arrossate, il resto del viso bianco come il marmo. Non era in grado di decifrare l’espressione che aveva assunto, ma era ancora li, accanto a lui e questo l’aveva comunque rincuorato.

“Hai mai ucciso qualcuno?” chiese la giovane con un filo di voce

“Solo una volta” mormorò lui a capo chino, “ma non chiedermi altro a riguardo, ti prego”.

Un manto silenzioso calò tra i due congelando per alcuni istanti l’atmosfera intorno a loro. L’aveva ammesso, Karl, il suo adorato padre era un vampiro ed un assassino. Per quanto avesse premesso che non sarebbe cambiato nulla, non poté non provare un senso di vertigine, come una voragine che le aveva inghiottito lo stomaco per alcuni istanti. Lui rimase in silenzio, il capo chino di chi aveva confidato una colpa inconfessabile.

“Mi dispiace” disse infine l’uomo. Lei trasalì.

“Io non riesco ancora a crederci” riprese Sara, “non è possibile!” sussurrò tremante. “Tu non puoi essere un vampiro!” scattò in piedi. “I vampiri non mangiano i cibi comuni, non escono di giorno e dormono nelle bare, non è forse così?” concluse ansimando.

Karl fu scosso da una risata improvvisa, era la prima volta che lo faceva da quando avevano iniziato il discorso, “queste sono solo sciocchezze che si sono inventati gli umani. Vaneggiamenti di persone che ci hanno mangiato su, scrivendo libri e saggi. In realtà la luce non ci uccide, ma ci indebolisce, il cibo comune per noi è semplicemente insipido e per quanto riguarda il dormire, perché farlo in una bara quando il letto è così comodo?”.

La disinvoltura con cui il padre aveva risposto alla  domanda fu così spontanea ed inaspettata che Sara scoppiò a ridere, mentre il viso veniva nuovamente rigato dalle lacrime. Quel discorso li stava distruggendo entrambi. Erano rimasti solo loro, l’uno era la famiglia dell’altro. Uniti come un’unica persona da un affetto senza pari eppure adesso questo legame era stato messo a dura prova.

“Mi dispiace bambina mia, non avrei mai voluto dirti le cose come stavano, ma ti prego di credermi, nonostante tutto, io ti amo come il primo giorno che ti ho preso tra  le braccia. L’ultima cosa che avrei voluto era farti soffrire”. Detto questo, Karl si alzò diretto alla porta d’ingresso.

“No!” urlò la ragazza correndogli dietro ed afferrandolo  per le spalle.

“Lasciami andare, Sara”.

“No che noN ti lascio! Se ora lo facessi, sono sicura che non ti rivedrei mai più ed io non voglio!” urlò pigiando la fronte contro la schiena dell’uomo. “Non capisci? A me non importa! Si, è vero. Ho avuto qualche momento di esitazione, ma puoi concedermelo, no? Non capita tutti i giorni di scoprire che hai un padre vampiro, ma questo non cambia nulla! E se non cambia per me, non vedo perché dovrebbe cambiare per te!”.

Lui si voltò per guardala.

“Sara” mormorò Karl e la strinse forte a se.

“Tu sei tutto quello che mi rimane, papà. Sei la mia famiglia e non voglio perderti” singhiozzò tra le braccia del padre.

“Tu non mi perderai mai, io veglierò sempre su di te, ti proteggerò, costi quel che costi”, sussurrò stringendola ancora di più a se.

“Proteggermi? Proteggermi da cosa?” chiese scostandosi.

L’uomo esitò un istante, sembrava cercare le parole più idonee da usare, mentre Sara continuava a fissarlo con circospezione. “Non c’è un modo giusto per dirlo, quindi sarò diretto: devi stare lontana da Craulad. Quell’uomo è pericoloso e vuole farti del male, quindi per un po’ sarebbe meglio che tu non vada a scuola. Mi rendo conto che equivale a scappare, ma credimi è importante”.

“E’ anche lui un vampiro?”.

“Si”.

“E perché ce l’ha con me?”

“Non ce l’ha  con te, ma con me. E’ me che vuole far soffrire e lo vuole fare attraverso te”.

“Si, ma perché?”.

“Si, Karl, perché non le spieghi il perché, sono curioso di sentire che cosa t’inventerai” tuonò Craulad alle loro spalle. I due si voltarono spaventati, poi distinto, Karl afferrò Sara per un braccio e la spostò dietro di se per proteggerla. “Tu! Che ci fai qui?” gli chiese  minaccioso. Sembrava un leone che ringhia alla sua preda, ma l’altro non si scompose più di tanto, prese il solito pacchetto di sigarette dal taschino della giacca in pelle nera che indossava in quel momento, ne estrasse una e l’accese. In breve tempo il fumo riempì il piccolo soggiorno, Karl non toglieva gli occhi da Craulad che col suo solito sorriso sornione lo fissava godendosi la fumata, mentre Sara rimase rannicchiata dietro le spalle del padre.

“Allora, mio caro Karl, l’hai poi mangiato il bambino che ti ho gentilmente offerto?”.

“Non farei mai una cosa del genere!” tuonò l’uomo in risposta, mentre poteva sentire il respiro di Sara farsi più affannoso, le mani che stringevano la sua, erano ghiacciate e tremanti. “Non sei il benvenuto qui, vattene!” concluse. Craulad mosse alcuni passi nella stanza, sembravano due bestie feroci che si studiavano prima di un attacco frontale, “eppure i tuoi occhi non sono più affamati, non dirmi che hai mangiato ratti fino a saziarti?” rise.

L’altro ringhiò.

“Sei proprio nervosetto, eh? Non vuoi che la tua piccola, fragile, dolce principessina scopra il tuo segreto, vero?” espirò dalla sigaretta.

“Di cosa parla?” scattò Sara, “che mio padre è un vampiro? Lo so già. Spiacente professor Craulad, ma è arrivato tardi. Mio padre mi ha appena raccontato tutto ed ora se ne vada, per favore”.

“Tutto?” chiese stringendo gli occhi e fissando Karl con espressione incuriosita. “Le hai davvero detto tutto, Karl? Eppure non penso che, se sapesse la verità, sarebbe ancora li rannicchiata dietro alla tua ombra. Non le hai parlato di Thyra, vero?”.

A sentir quel nome, Karl urlò così forte da far vibrare i vetri nella stanza, Sara si tappò d’istinto le orecchie per non rischiare i timpani, ma nonostante tutto, quell’urlo che sembrava più un canto di dolore, le aveva trapassato da parte a parte il cuore facendole provare un ansia incolmabile.  Più che un urlo minaccioso, sembrava una supplica che il padre stava trasmettendo al suo aguzzino. Ma perché tanto dolore in quell’urlo? E chi era Thyra? La ragazza era sempre più confusa. Tra il professor Craulad e suo padre c’era un legame che lei ignorava, un passato che suo padre stava proteggendo con tutte le sue forze.

“Sara, appena ti do il segnale, esci dalla finestra e corri verso il primo posto affollato che ti viene in mente, se sei in mezzo alla folla non può attaccarti, io ti raggiungerò” le sussurrò il genitore non distogliendo lo sguardo dal rivale.

“No, non posso lasciarti, io…”.

“Non è il momento di discutere, se ci sei tu, non posso scatenarmi. Ti prego, fidati di me. Verrò a riprenderti, te lo prometto” le assicurò fissandola per un secondo con la coda dell’occhio. Sara era confusa, non voleva separarsi da lui. Aveva visto la sera precedente di cosa era capace Craulad e temeva per l’incolumità del suo amato padre, ma si rendeva conto che stare in quella stanza con loro, avrebbe inevitabilmente rappresentato un pericolo per lei. Diede un leggero pugno in mezzo alle spalle all’uomo che gli stava facendo da scudo: “se muori, non ti perdonerò mai!” gli sussurrò. Lui sorrise.

“Ora!” urlò Karl scagliandosi sull’avversario che non si aspettava una mossa del genere e ne subì passivamente le conseguenze. La giovane, aprì la finestra situata a piano terra della casa e saltò giù ruzzolando sul prato, poi senza perdere tempo, si rimise in piedi ed iniziò a correre a perdifiato per le vie deserte del quartiere.

8 pensieri su “LITTLE SECRET -cap. 4-

  1. Sono assolutamente estasiata dalla bellezza di questo capitolo. ^^ Ti faccio subito i complimenti, perché è davvero meraviglioso, emozionante, scritto benissimo. ^^
    Mi è piaciuto molto il modo in cui hai scritto il dialogo tra lei e suo padre, le loro emozioni, è stato tutto molto intenso e profondo, poi il finale con Craulad è grandioso. Bravissima! 😀

    P.s: Ho notato dei refusi, se vuoi posso dirteli in privato?

    Piace a 1 persona

  2. Pensavo di aver commentato questo capitolo tempo fa -.- Evidentemente il mio pc si era completamente rimbambito dato che non mi postava i commenti!
    Allora prima di tutto Craulad nella prima parte sembra non voler uccidere Karl… non prima di aver distrutto il suo essere obbligandolo a uccidere il bambino! Molto interessante ^^non vedo l’ora di scoprire di più sul passato di Karl!
    Il discorso tra Sara e il padre è bellissimo, intenso, sentimentale e tormentato, l’ho amato!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...